/ Sanità

Sanità | 24 novembre 2019, 17:12

Rischio isolamento in Val Bormida, Ardenti (II commissione Salute): "Presi contatti con il Piemonte e potenziati servizi automedica a Cairo e Carcare"

Se sarà necessario saranno stretti accordi con strutture piemontesi per pazienti dializzati o chemioterapici che si recavano al San Paolo o al Santa Corona per le cure

Rischio isolamento in Val Bormida, Ardenti (II commissione Salute): "Presi contatti con il Piemonte e potenziati servizi automedica a Cairo e Carcare"

Il passo di Cadibona chiuso all’altezza del Maschio, l’autostrada A6 Savona-Torino bloccata in entrambi i sensi di marcia, quello verso nord per un crollo e quello verso sud per accertamenti, altre strade minori (ad esempio quella dei Tecci ad Altare) soggette a movimenti franosi.

Il quadro che si profila è quello di una Val Bormida preoccupantemente isolata dal resto della provincia, in modo particolare dal capoluogo, che tra le altre cose è sede di un importante ospedale.

Il pensiero alle problematiche legate alla sanità è immediato. Spiega a tal proposito Paolo Ardenti, vicecapogruppo della Lega in consiglio regionale e rappresentante della II Commissione Salute e Sicurezza Sociale: “Abbiamo già provveduto ad aggiungere una seconda automedica con medico a Carcare e quindi l’auto medica di Cairo rimane in ospedale per emergenze anche interne. Abbiamo messo anche un’automedica in più a Savona.

Per quanto riguarda i ricoverati a Cairo Montenotte, dei loro pasti si occuperà la mensa di Italiana Coke.

Inoltre l’assessore regionale alla Sanità Sonia Viale è in contatto con il Piemonte per garantire le esigenze sanitarie principali, a tal proposito gli ex 118 (oggi NUE) ligure e piemontese sono già attivati per le urgenze.

Ad ora nessun problema di scopertura turni notturna ne a Cairo ne a Savona. Domani mattina qualche criticità di dipendenti che da Cairo dovevano prendere servizio a Savona ma utilizzeremo il solito sistema di sostituzione turni.

Per tutte quelle altre necessità tipo dialisi, chemioterapia e altri trattamenti a cadenza regolare per i quali i valbormidesi devono spostarsi verso il San Paolo di Savona o il Santa Corona di Pietra Ligure, entro sera se necessario attueremo con il Piemonte quanto necessario”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium