/ Innovazione

Innovazione | 28 novembre 2019, 16:40

Le buone pratiche del Porto Antico illustrate oggi alla Genova Smart Week

Investimenti diretti già effettuati per un milione di euro, il futuro è green

Le buone pratiche del Porto Antico illustrate oggi alla Genova Smart Week

E’ stato Mauro Ferrando, presidente di Porto Antico di Genova Spa, a illustrare oggi nella sessione "City, port & environment" della Genova Smart Week le buone pratiche messe in atto nell’area, grazie alle quali la nostra città ha conquistato un ruolo di avanguardia in Italia sui temi della sostenibilità.

L’area del Porto Antico di Genova è un’area multifunzionale dove insistono attività molto diverse tra loro: un grandecentro congressi, eventi, fiere, concerti, uffici di grandi gruppi internazionali, palestra, spazi dedicati ai bambini come la Città dei Bambini e la biblioteca De Amicis, darsene per superyacht e per la piccola e media nautica, il grande Acquario, la sede della Guardia Costiera, e una serie di esercizi commerciali legati soprattutto al settore della ristorazione.

"La sostenibilità ambientale, il risparmio e l’efficientamento energetico - ha sottolineato Ferrando nel suo intervento - sono parte integrante della cultura aziendale della società e sentiamo forte la responsabilità di dare il nostro contributo al futuro di un’area nevralgica della città, ogni prossimo intervento sarà progettato e realizzato secondo questi principi". A oggi nell’area è stato investito direttamente circa un milione di euro per interventi che hanno già ottenuto risultati evidenti.

 

  • Con oltre quattro milioni di presenze all’anno, Porto Antico è uno degli esempi di riqualificazione di aree portuali di maggior successo al mondoe guarda al futuro con una serie di interventi finalizzati alla sostenibilità come;
  • l’impianto fotovoltaico sulla copertura dell’autosilos, per una superficie di 1250 mq., che dal 2016 ha prodotto 900mila Kwh;
  • l’uso della tecnologia led per l’impianto di illuminazione dell’area dei Magazzini del Cotone e nell’autosilos, quando la sostituzione saà completata in tutta l’area si avrà un risparmio di oltre il 60% sui consumi e ulteriori risparmi sui costi di manutenzione e sostituzione;
  • l’efficientamento degli impianti di riscaldamento e raffrescamento degli edifici Magazzini del Cotone, Millo e palazzina San Giobatta con nuovi impianti di supervisione per la razionalizzazione dei consumi;
  • l’elettrificazione della banchina Molo Vecchio con una capacità di ospitare fino a 20 superyacht;
  • 5 stazioni di ricarica elettrica per auto;
  • 2 auto elettriche in servizio permanente per la vigilanza.

Nel 2019 un’attenzione particolare è stata dedicata alla riduzione dell’impatto ambientale della plastica con il progetto Plastic Free e l’installazione dei Seabin. Il progetto per la riduzione della plastica monouso, lanciato nel maggio di quest’anno, ha dotato di distributori d’acqua alcuni esercizi commerciali e punti di ristorazione dell’area ed è stato incoraggiato l’acquisto di borracce in acciaio. L’iniziativa è stata realizzata in collaborazione con Iren e Culligan, azienda leader nel trattamento dell’acqua. Apripista sono stati Eataly e Acquario. In un anno si prevede di ridurre il consumo di plastica di 50.000 kg, le emissioni di anidride carbonica (-95.000 kg in un anno), l’utilizzo di carburante (-70.000 kg) e la quantità di mezzi di trasporto necessari. Nello specchio acqueo davanti a Porta Siberia sono stati installati, grazie a KLM e a Grohe, due Seabin (progetto Lifegate Plasticless), cestini elettrici che raccolgono plastiche e microplastiche in mare per un totale di circa 3 kg al giorno. Si calcola quindi che i due Seabin raccolgano in un anno oltre 1 tonnellata di rifiuti.

Nel prossimo futuro i programmi di ristrutturazione del Mandraccio prevedono una completa riqualificazione degli di produzione fluidi per il condizionamento con l’utilizzo di pannelli termici a energia solare. Inoltre l’area impianti del Porto Antico è inserita nel progetto "Eléna" del Comune di Genova per l’efficientamento energetico dell’illuminazione stradale e degli uffici ed è stata area pilota per la raccolta differenziata dell’organico con bidoni ad hoc per ogni esercizio pubblico.

Come luogo di confronto e di stimolo a una migliore conoscenza delle tematiche della sostenibilità nel 2019, Porto Antico ha ospitato:

 

  • "Planet vs Plastic. Un pianeta straordinario tra bellezza e abusi", una mostra fotografica (sponsorizzata da Iren) con le immagini splendide e impattanti di Randy Olson, fotografo di National Geographic;
  • Focus Live, il festival di divulgazione scientifica organizzato da Focus dove si è discusso di ambiente, clima, ed ecosistemi;
  • Ocean Race Summit (legato alla Ocean Race di cui Genova ospiterà "The Grande Finale" nel 2022) sul tema della salute dei mari;
  • "Responsabili, sostenibili, cooperativi", 4^ Assemblea Nazionale dell’Associazione Nazionale Cooperative;Biosphera 2.0, esposizione di un modulo abitativo di 25 mq capace di produrre autonomamente l’energia necessaria per vivere.

Per concludere, nell’ambito del Festival della Scienza,  è stata ospitata Ford Go Electric, la campagna di promozione Ford con la presenza del primo simulatore al mondo di accelerazione di veicoli elettrici, Ford E Launch.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium