/ Politica

Politica | 02 dicembre 2019, 16:14

Passo indietro sull'intitolazione a Quattrocchi del ponte Firpo, Bucci: "Rispettato il volere delle famiglie" (VIDEO)

Il sindaco butta acqua sul fuoco delle polemiche e conferma che sarà trovata una soluzione alternativa per l'intitolazione a Quattrocchi. La passerella Firpo sarà ufficialmente dedicata alla memoria del partigiano

Passo indietro sull'intitolazione a Quattrocchi del ponte Firpo, Bucci: "Rispettato il volere delle famiglie" (VIDEO)

"Io ho parlato con la famiglia Firpo, il vicesindaco Balleari ha parlato con la famiglia Quattrocchi e alla fine abbiamo constatato che nessuno voleva andare avanti con l'intitolazione. Si è trattato di un dato emerso all'ultimo momento, perché qualcuno prima voleva procedere, però quando ieri sera ci siamo resi conto del fatto che nessuno voleva la nuova toponomastica abbiamo rispettato il volere delle famiglie", spiega così il sindaco Bucci la decisione di annullare l'iniziativa, originariamente prevista per oggi, per l'intitolazione del ponte pedonale che unisce corso Galliera e via Moresco passando sul Bisagno a Fabrizio Quattrocchi. La struttura era infatti da tempo già dedicata ufficiosamente alla memori del partigiano Attilio Firpo, e sono piovute critiche e prese di posizione contro il Comune.

Non è stata la levata di scudi di cittadini, partiti e associazioni a convincere l'amministrazione al passo indietro, quanto piuttosto un precisa volontà condivisa dai parenti dei due defunti: "Le famiglie hanno l'onere e l'onore di essere protagoniste in questo genere di percorsi - aggiunge Bucci - non si può intitolare qualcosa a qualcuno se i suoi congiunti non sono d'accordo, anche se la procedura è perfetta e ci sono tutti i crismi per farlo. Abbiamo deciso di rinunciare per rispetto alla volontà delle famiglie, che mi sembra la miglior cosa per la città".

Ora la strada indicata dal sindaco è quella di un nuovo luogo da dedicare alla memoria di Quattrocchi, mentre la passerella oggetto della "contesa" sarà ufficialmente dedicata a Firpo: "La famiglia Quattrocchi ha chiesto che si trovi un luogo alternativo per l'intitolazione, alla quale mi hanno riferito di tenere, e vedremo di trovare una soluzione adeguata. Contestualmente è arrivata anche una richiesta perché il ponte venga ufficialmente intitolato alla memoria del partigiano, e anche questa mi sembra una buona idea. Ora seguiremo entrambe le pratiche parallelamente, secondo i tempi che saranno indicati dall'ufficio toponomastica".

Il sindaco poi respinge fermamente la ricostruzione che di chi legge nell'operazione un intento provocatorio nei confronti di chi difende i valori della Resistenza: "Io non ho fatto provocazioni a nessuno perché non ero coinvolto nel processo, ed escludo che l'ufficio toponomastica abbia voluto fare una provocazione a qualcuno. Le cose sono andate come sappiamo, e alla fine è stato rispettato il volere delle famiglie, che la cosa a cui va data assoluta priorità".

Carlo Ramoino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium