/ Politica

Politica | 06 dicembre 2019, 17:30

Sicurezza a Genova: “Sampierdarena non è il Bronx, spaccio e paura non si combattono con le recinzioni ma col recupero sociale del territorio”

Sicurezza a Genova: “Sampierdarena non è il Bronx, spaccio e paura non si combattono con le recinzioni ma col recupero sociale del territorio”

Come annunciato nei giorni scorsi il Siap (Sindacato italiano appartenenti alla Polizia di Stato) è stato ascoltato in audizione dalla prima Commissione del Municipio centro ovest di Sampierdarena. “Abbiamo apprezzato la sensibilità della Commissione – dice il dirigente nazionale Siap Roberto Traverso – a voler dar spazio alla nostra organizzazione sindacale che rappresenta da sola più del 25% della categoria sul territorio provinciale e la maggioranza dei poliziotti presenti in Questura e Commissariati. Abbiamo interloquito con i consiglieri, associazioni contro la violenza sulle donne e cittadini, dimostrando con dati alla mano che l’insicurezza percepita dei sampierdarenesi non si elimina con i costosi e mediatici pattuglioni organizzati dalla Questura in risposta alla richiesta di sicurezza ‘mordi e fuggi’ decisa in ambito prefettizio durante le riunioni del comitato provinciale per la sicurezza”.

“Le risorse a disposizione della Polizia di Stato – prosegue Traverso – sono esigue e vanno centellinate prediligendo l’attività investigativa che deve combattere la criminalità organizzata che sfrutta chi delinque a basso costo sul territorio alimentando per esempio la piaga dello spaccio o lo sfruttamento della prostituzione. Come annunciato il nostro obiettivo è quello di arrivare ad incontrare il Prefetto dopo aver sensibilizzato istituzioni e politica locale sull’urgente esigenza di un drastico cambio di marcia dell’attività investigativa che necessita di risorse per combattere le infiltrazioni mafiose presenti sul territorio”.

“Abbiamo sottolineato – continua Traverso – l’importanza delle telecamere ma ricordando che lo strumento tecnologico non sostituisce l’attività investigativa e che rimane fondamentale rendere le strade più luminose e facilmente percorribili; inoltre riteniamo inutile l’installazione delle recinzioni di piazza Settembrini perché non fanno altro che spostare il problema in un altro spazio territoriale, magari non coperto dalle telecamere”.

“Il Siap – conclude Traverso – considera Sampierdarena un laboratorio fondamentale per affrontare l’argomento sicurezza per Genova in quanto anello di congiunzione territoriale importante per gli equilibri sociali del capoluogo ligure; un territorio che non deve essere abbandonato ma incentivato con strumenti politici istituzionali efficaci. Per questo abbiamo rilanciato l’idea di riproporre gli strumenti dei cosiddetti patti d’area sul territorio sampierdarenese”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium