Vuxe de Zena di Zenet | 08 dicembre 2019, 14:00

1906: giornale di viaggio da Genova al Perù

Questo brano ripercorre il viaggio e le emozioni dei migranti liguri ai primi del Novecento: si tratta del breve resoconto del giornale di viaggio da Genova al Perù di Giovanni Battista Passano

1906: giornale di viaggio da Genova al Perù

Questo brano ripercorre il viaggio e le emozioni dei migranti liguri ai primi del Novecento. E’ stato inoltrato a Zenet per la la rubrica "Vuxe de Zena" da Juan Passano. La Famiglia Passano è una antica famiglia nobiliare genovese che si stabili in Perù durante il periodo delle grandi migrazioni.

Il testo che abbiamo tradotto dallo spagnolo è un breve resoconto del giornale di viaggio da Genova al Perù del nonno Giovanni Battista Passano (anno 1906).

Il viaggio iniziò. Il distacco dalla famiglia in tenera età è un atto che segna per sempre una persona. Affrontare da solo il mondo in un contesto completamente sconosciuto è, in un momento in cui ci si trasportava da un continente all'altro, un'avventura che poteva caricare la vita di vari elementi o malattie inclementi. Tutto è iniziato con preparativi che potevano richiedere mesi o alcuni giorni. Le testimonianze di questi preparativi sui giornali dell’epoca sono pieni di emozione e sentimento. I contatti di parenti e amici furono stabiliti nel luogo di destinazione e gli abiti furono preparati con i soldi per il viaggio che erano generalmente il prodotto del risparmio familiare. Snack per il viaggio composto da salsicce fatte in casa, pesce salato (di solito acciughe), pane, ecc.

Il momento dell'addio deve essere stato drammatico, con molte lacrime per la destinazione e l’incertezza di rivedere i propri cari. Dalle città del Levante Ligure, la ferrovia fu portata al porto di Genova, un breve tratto che fu assalito da migliaia di pensieri e in silenzio, poiché ogni parola dei genitori o dei fratelli poteva essere un pugnale nell'anima. In altri casi, l'addio è stato fatto sulla stessa piattaforma ferroviaria della città, senza mai guardare indietro. All'arrivo a Genova, sono stati acquistati altri articoli da toeletta e prodotti alimentari per il viaggio, a volte si doveva aspettare due o tre giorni nella grande città per imbarcarsi sul vapore che li avrebbe portati a destinazione e quindi essere in grado di trascorrere l'ultima lira o cambiarli per sterline o sterline peruviane (quando la nostra valuta era "alla pari di Londra").

Il viaggio fu fatto con meno incertezza se era accompagnato da qualcuno conosciuto, o preferibilmente se era già stato in Perù e se sapeva parlare spagnolo, come lo era con il Sig. Ghiglione. Mentre saliva a bordo dell'enorme nave che aveva visto così tante vele verso le acque del Mediterraneo, l'emozione colpì il petto di bambini, donne e uomini che andarono al mare, con le loro piccole scatole di legno con due maniglie ai lati. I bauli e le boccette erano già stati collocati nelle stive, ai cui lati c'erano le cabine della terza categoria.

La prima categoria non era molto diversa dalla seconda categoria le persone erano meglio vestite ed erano i pochi che facevano viaggi per visitare i loro parenti. Salendo la rampa, il trambusto delle lingue slave e di vari dialetti, indicava che la nave aveva già raccolto diversi passeggeri dalla sua rotta iniziale, ma il più sentito era l'italiano e più precisamente lo "zenize" o il dialetto genovese.

Per molti le lacrime degli addii non si fermarono quando il fischio del vapore annunciò la prossima partenza. I fazzoletti bianchi furono scossi sia dal molo, sia dal parapetto della nave, diventando gradualmente una massa di addii che non riusciva più a distinguere il volto dei propri cari e ad essere una fiammata uniforme di fazzoletti su entrambi i lati, a prua alla prossima destinazione: Marsiglia, dove si ripeteva la stessa scena, ma i francesi erano pochi e c'erano anche immigrati dalle colonie del Nord Africa (di origine araba), che trasportavano principalmente merci.

Barcellona era il porto successivo, dove molti catalani, galiziani, asturiani, castigliani, ecc. Si imbarcarono nella stessa avventura. Per superare la porta dell'Atlantico (Stretto di Gibilterra) era necessario abituarsi all'oscillazione della nave verso le Azzorre, dove venivano caricate provviste e carburante. La vita sulla nave era più tranquilla solo dopo alcuni giorni. Dopo cena, le donne dovevano andare a dormire insieme ai bambini in sezioni separate e gli uomini potevano essere sul ponte fino alle 22:00 fumando, parlando, leggendo o giocando a carte. Era una torre galleggiante di Babele dove l'aria del mare diventava sempre più calda quando si superava il Circolo equatoriale e si vedevano le prime coste sudamericane del Brasile e successivamente della grande Buenos Aires, dove sbarcarono la maggior parte dei passeggeri . Li, una volta arrivati, molti salivano sull’altra nave diretta verso i porti di Valparaíso, a volte Iquique per il rilascio del carico di salnitro

Il Virgilio, l'Orazio, il Doria, ecc., Erano barche che trasportavano per decenni tutto questo flusso umano. Giovanni Battista Passano era arrivato a Callao e messo in quarantena come tutti i nuovi arrivati. D'ora in poi sarebbe stato Juan Passano e quando si imbarcò sulla piccola barca che lo avrebbe condotto al molo di approdo del porto, sentì un po' di sollievo quando sentì il suo dialetto e la sua lingua ovunque. Fu colpito dalle case di non più di due piani, la ferrovia che lo avrebbe portato al suo alloggio nel centro di Lima: volti andini, neri, mulatti, europei, cinesi ... prima di imbarcarsi per la sua destinazione finale: Mold nella provincia Huancané Puna. Il più grande capitolo della sua vita stava per iniziare ad essere scritto. L'unico oggetto che abbiamo ancora di questo primo viaggio è una fotografia con i suoi genitori Nicolò e Ángela, scattata a Genova all'età di circa 13 anni.

 Segui Zenet:

www.zenetligurinelmondo.org

www.facebook.com/zenetligurinelmondo

Zenet / Juan Passano (Perù)

Leggi tutte le notizie di VUXE DE ZENA DI ZENET ›

Vuxe de Zena di Zenet

Zenet, per dare voce a liguri nel mondo. Zenet è una struttura privata che ha lo scopo di promuovere la Liguria, far conoscere la sua storia e creare connessione tra i Liguri nel mondo.

www.zenetligurinelmondo.org
www.facebook.com/zenetligurinelmondo

Leggi anche

domenica 19 gennaio
domenica 29 dicembre
domenica 22 dicembre
domenica 15 dicembre
domenica 01 dicembre
domenica 24 novembre
domenica 17 novembre
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium