/ Attualità

Attualità | 31 gennaio 2020, 17:03

La Liguria al Festival di Sanremo: una sinfonia di emozioni (VIDEO)

Da domenica 2 febbraio a sabato 8 sarà allestito lo Spazio Liguria all’interno di Casa Sanremo, al Palafiori

La Liguria al Festival di Sanremo: una sinfonia di emozioni (VIDEO)

Liguria protagonista coi i suoi sapori e i suoi prodotti tipici al Festival di Sanremo. Anche quest’anno, da domenica 2 febbraio a sabato 8, nella settimana della grande kermesse canora giunta alla 70° edizione, sarà allestito lo Spazio Liguria all’interno di Casa Sanremo, al Palafiori.

Lo Spazio Liguria è stato immaginato con l’obiettivo di offrire una immersive experience a tutti coloro che transitano a Casa Sanremo, con 2 maxi ledwall da 20 metri quadri ciascuno che presenteranno gli oli e i vini di Liguria, raccontando il contesto, il territorio e i paesaggi in cui nascono, proponendo in più le testimonianze dei produttori che, giorno dopo giorno, portano sulle nostre tavole queste eccellenze.

"Abbiamo puntato sul turismo emozionale, ma anche su una sinfonia di professionalità - ha commentato Pier Paolo Giampellegrini - tanto che stiamo già organizzando il lancio della prossima stagione estiva, a Terrazza Martini a Milano":


Inoltre è prevista la presenza di un angolo curato da Enoteca regionale della Liguria e Consorzio olio Dop Riviera ligure dove, in alcuni momenti della giornata, i partecipanti potranno avvicinarsi al mondo del vino e dell’olio ligure. Oltre a questo, per tutti quelli che vorranno approfondire la conoscenza di questi prodotti di punta dell’enogastronomia ligure, è in programma un momento dedicato, venerdì 7 febbraio alle 15, nel teatro Ivan Graziani, sempre all’interno del Palafiori. Per questo evento gratuito, aperto fino a esaurimento posti, le prenotazioni verranno raccolte dagli operatori nello Spazio Liguria a partire da lunedì 3 febbraio.

Oltre alle immagini dedicate a olio e vino, verrà lanciata l’iniziativa Frantoi e Vigneti aperti, in programma in tutta la Liguria dall’8 al 10 maggio prossimi, un’ulteriore occasione per andare alla scoperta di questi tesori agroalimentari. Una scelta che va nella direzione di promuovere il più possibile la Liguria e le sue punte di diamante, e che acquisisce ulteriore valore visto che in questa edizione il Palafiori, oltre a Casa Sanremo, ospiterà il Dopofestival e diversi programmi televisivi Rai e che, quindi, non vedrà solamente la solita, grande partecipazione di pubblico e appassionati, ma anche la presenza di cantanti, ospiti, giornalisti, influencer e sarà il punto di partenza di un red carpet che, attraversando piazza Colombo, lo collegherà all’Ariston.

Sempre per promuovere le eccellenze di Liguria, giovedì 6 è in programma un appuntamento al Roof Liguria, organizzato dall’agenzia di promozione turistica In Liguria, dedicato a operatori del turismo e stakeholder: una serata all’insegna del rilancio dell’offerta turistica della Liguria, che cresce sia a livello qualitativo che quantitativo grazie al lavoro degli operatori e alla costruzione di un prodotto turistico di altissimo livello. Sanremo diventa, quindi, occasione e cassa di risonanza per richiamare l’attenzione sulla qualità e sulla varietà dell’offerta turistica ligure. Al centro di questo incontro naturalmente i prodotti e le eccellenze della nostra terra, messi a disposizione in collaborazione con le Camere di commercio di Genova e Riviere di Liguria. Per l’occasione, tra l’altro, sono stati creati alcuni cocktail a tema Festival, realizzati dai Bartender certificati Genova Gourmet, ovviamente con prodotti liguri.

Venerdì 7, invece, il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, sempre al Palafiori, consegnerà il Soundies music award 2020 e un premio alla carriera a Massimo Morini dei Buio pesto, giunto quest’anno alla 30° partecipazione consecutiva al Festival in qualità di direttore d’orchestra o direttore tecnico. Inoltre, sempre venerdì, si esibirà e verrà premiata la piccola Rita Longordo, la sanremese vincitrice dell’ultima edizione dello Zecchino d’oro, che ha portato lustro alla regione nella storica manifestazione canora.
A seguire in conclusione della penultima serata all’Ariston, il governatore consegnerà il premio per il vincitore della categoria Nuove proposte. Anche quest’anno il premio sarà ligure al 100%: una Lanterna di filigrana di Campo Ligure.

Cultura, infatti, significa anche musica: "Carlo Felice, che collabora con noi. è un biglietto da visita della Liguria nel mondo ed è giusto portare a Sanremo anche questa musica, oltre ai riconoscimenti e a i premi che verranno consegnati":



In più, in tutte le serate del Festival, andrà in onda su Rai 1 uno spot dal titolo “Liguria. Una sinfonia di emozioni”, realizzato il collaborazione con il teatro Carlo Felice, con protagonista la sua orchestra, un omaggio in musica alla bellezza della Liguria. Sulle note della sinfonia del Barbiere di Siviglia lo spot si sposta dal teatro Carlo Felice fino a Portovenere e poi a Cervo, ritrovando l’orchestra a interpretare la bellezza di questi simboli della Liguria, come ha spiegato il sovrintendente del Carlo Felice Claudio Orazi:



“Regione Liguria torna a Sanremo, un appuntamento immancabile per presentare al  mondo il meglio della nostra regione e della sua cultura gastronomica – commenta il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti-. L’anno scorso Casa Sanremo ha visto la presenza di 80mila persone, e tutte queste hanno attraversato lo Spazio Liguria. Quest’anno contiamo di portare il messaggio a un numero ancora più ampio di persone, vista l’ulteriore centralità che il Palafiori avrà in questa 70° edizione. Ovviamente le immagini della Liguria, come ormai da tradizione, andranno in onda in prima serata su Rai 1 nelle serate del Festival, portando nelle case di milioni di italiani la musica del nostro teatro Carlo Felice e i paesaggi liguri, da Ponete a Levante. Anche per questa edizione, il premio per le Nuove proposte sarà offerto da Regione Liguria: si tratta, nuovamente, di una lanterna in filigrana di Campo Ligure. Una scelta simbolica, una produzione tipica e pregiatissima legata a un territorio duramente colpito dal maltempo nei mesi scorsi che, come Genova subito dopo il crollo del Ponte Morandi, ha saputo reagire e rialzarsi”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium