/ Cronaca

Cronaca | 27 febbraio 2020, 16:18

Restituire il mare a Palmaro: al via il progetto dell’Università di Genova

Se ne occuperanno i ragazzi del corso di laurea magistrale in ingegneria insieme alle docenti Francesca Pirlone e Ilenia Spadaro e coordinati dalla FondAzione PRimA’vera che donerà il piano complessivo al Comune

Restituire il mare a Palmaro: al via il progetto dell’Università di Genova

Restituire il mare al Sestiere di Palmaro creando una fascia di rispetto che sia, in tutto e per tutto, simile a quella di Pra’: da anni, cittadini e comitati del borgo, che si trova stretto (e spesso costretto) tra Pra’ e Voltri, si battono in questa direzione, pari dignità e pari diritti, rispetto alle abitazioni confinanti.

È questo il tema della lotta, il fronte presso cui ci s’impegna con tutte le forze, a cominciare dal comitato Palmaro presieduto da Roberto Di Somma. È indubbio, infatti, che questo agglomerato urbano sia quello che se la passa peggio. Sono tre i problemi principali, per tacere di quelli ‘minori’: l’autostrada che passa a pochi metri dalle case, senza alcun tipo di protezione; i rumori e l’inquinamento atmosferico prodotto dal porto container, in particolare dalle navi che sono ormeggiate in banchina e che causano disturbo ai cittadini sia di giorno che di notte; la ferrovia, che transita proprio a ridosso dell’Aurelia, con l’impossibilità di un minimo di respiro, sia in termini ambientali che in termini di vivibilità.

Ora, a suffragare le richieste dei palmaresi, e a dare pure in questo senso un minimo di spinta, o perlomeno a provarci, arrivano anche gli studenti dell’Università di Genova. La bella notizia è data dal portale ‘SuPra’tutto’, l’house organ della FondAzione PRimA’vera, un sito davvero molto ben fatto e diventato punto di riferimento per questa zona del Ponente. In un articolo dei giorni scorsi, si racconta con dovizia di particolari il lavoro che, a partire da marzo, sarà portato avanti dal corso di tecnica urbanistica, insegnamento del corso di laurea magistrale in ingegneria edile-architettura del Dicca, ovvero il Dipartimento di ingegneria civile, chimica e ambientale dell’ateneo genovese.

Seguiti dalle docenti Francesca Pirlone e Ilenia Spadaro, dietro l’invito di Fabio Currò di voler collaborare al piano complessivo ‘Ridiamo il mare a Pra’ - Palmaro’, gli studenti si occuperanno di un possibile sviluppo, nel rispetto della fattibilità e della sostenibilità (ambientale, sociale ed economica), capace di garantire ai cittadini un buon livello di qualità della vita. “Come noto - ricorda ‘SuPra’tutto’ - il progetto consiste nello spostamento a mare del tratto di linea ferroviaria Genova-Ventimiglia, tra il Rio Branega e il Rio San Giuliano, e nella realizzazione, sul suo sedime, di un prolungamento del Por - Pra’ Marina, con inclusa la realizzazione di una ‘lama d’acqua’, in ricordo del mare che lambiva fino a non molti anni fa il litorale. Gli studenti si divideranno in gruppi e, a partire dalle idee fondanti il progetto, studieranno il caso con sopralluoghi, recupero di informazioni, conoscenza del territorio e ricerche, e predisporranno un progetto concettuale di dettaglio entro inizio giugno 2020, realizzando elaborati costituiti da un fascicolo e alcuni poster, il tutto illustrato da una presentazione orale”.

Ai gruppi di lavoro così costituiti verrà anche data la possibilità di partecipare al gruppo di lavoro ‘Delta’ del ‘Pra’lmarium’, per poter interagire in prima persona con istituzioni e società che sono direttamente coinvolte nella realizzazione del progetto: Comune, Municipio VII Ponente, Rete ferroviaria italiana, Autorità portuale, Società autostrade. “A conclusione del corso, si avranno quindi 4/5 progetti che saranno presentati ai cittadini di Pra’, e in particolare a quelli residenti nel sestiere di Pra’ - Palmaro in occasione di un evento pubblico. I cittadini di Pra’, attraverso ‘SuPra’tutto’, avranno anche la possibilità di esprimere la loro preferenza tramite un voto on-line. In base agli esiti della votazione on-line e dei giudizi espressi da una commissione tecnica, verrà selezionato il progetto migliore e gli autori riceveranno un premio offerto dalla farmacia Palmaro, sponsor dell’iniziativa”.

Il progetto scelto sarà donato dalla FondAzione PRimA’vera al Comune di Genova, che collabora e sostiene l’iniziativa dell’Università, quale spunto per la progettazione esecutiva dell’opera. Il prossimo 6 marzo, presso il Dipartimento di ingegneria civile, chimica e ambientale, ci sarà l’avvio ufficiale del laboratorio, che verrà poi presentato ai cittadini di Pra’ la settimana successiva, venerdì 13 marzo, presso il salone consiliare del palazzo municipale di Pra’. Intanto, nei giorni scorsi, Fuori Muro, la società che effettua le manovre ferroviarie al bacino di Pra’, ha comunicato che ridurrà il rumore dei suoi locomotori diesel, specialmente nelle ore notturne. L’azienda è una delle partecipanti a ‘Pra’lmarium’, il tavolo tecnico coordinato dall’assessorato Sviluppo economico portuale e marittimo - logistica che ha come obiettivo il recupero, la valorizzazione, la tutela della salute e il miglioramento della qualità della vita dei cittadini del sestiere praese di Pra’- Palmaro. Tra le azioni programmate ci sono, per l’appunto, alcune pratiche di mitigazione dei rumori del parco ferroviario.

I locomotori saranno dotati di un timer che fa spegnere le macchine in automatico dopo dieci minuti di inattività. Inoltre, la società Fuori Muro si è impegnata a sensibilizzare il proprio personale di macchina per ridurre al minimo l’uso delle segnalazioni acustiche. “Si tratta di un primo concreto risultato per il tavolo ‘Pra’lmarium’, segno che la politica di dialogo tra la città e le strutture che operano nel bacino portuale di Pra’ sta dando i suoi frutti - commenta l’assessore Francesco Maresca - Questa è la dimostrazione di come quando tutti gli enti competenti e le parti in causa lavorano per un obiettivo comune per il miglioramento della città e della vita dei cittadini, ogni sfida si possa vincere”.

Alberto Bruzzone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium