Cronaca | 17 marzo 2020, 18:08

Voltri, la farmacia Serra attiva il punto di ritiro per limitare i contatti

Novità da Maddalena Leale e Edoardo Schenardi: un ‘locker’ collocato all’esterno dove si potranno prelevare gli ordini fatti via internet

Voltri, la farmacia Serra attiva il punto di ritiro per limitare i contatti

Pionieri lo sono sempre stati, in tante loro attività, in tante scelte, in tante novità che hanno introdotto e direzioni che hanno tracciato. E si confermano tali anche questa volta, Edoardo Schenardi e Maddalena Leale, i titolari della farmacia Serra di via Camozzini a Voltri. Da qualche giorno, al di fuori del loro punto vendita, che come tutte le farmacie in questo periodo è molto frequentato, è comparsa un’installazione di colore blu, un locker, come si dice ora, ovvero un punto di raccolta attraverso il quale i clienti si possono rifornire e ritirare i loro ordini, senza dover per forza entrare all’interno.

Si tratta di un progetto che i due gestori della Farmacia Serra avevano in mente già da tempo, ma che hanno pensato di introdurre, dando un’accelerata, in questi giorni di emergenza legata al coronavirus, con gli ingressi contingentati nei negozi, le distanze di almeno un metro da rispettare, gli assembramenti proibiti e tutto il resto delle norme di sicurezza da adottare. Il locker consente infatti di fare acquisti in completa tranquillità e praticamente con un contatto ridotto allo zero. La postazione dovrebbe entrare in funzione da domani, con il collegamento al circuito bancario, attraverso il quale saranno gestiti i pagamenti.

Maddalena Leale, che è anche la presidentessa del Civ di Voltri, spiega come funziona: “Voglio precisare - afferma - che questo tipo di vendita al dettaglio funziona, per il momento, esclusivamente per tutti quei prodotti che non sono medicinali, e che quindi non richiedono la presentazione di una ricetta del dottore. Parliamo quindi di cosmetici, integratori, preparati di vario tipo, ma anche dei dispositivi di sicurezza individuale. Funziona così: il cliente effettua l’ordine attraverso i nostri canali social, oppure scrivendoci una mail. Al momento dell’accettazione, riceverà un codice, poi verrà avvisato di quando l’ordine sarà pronto per il ritiro. A questo punto, potrà recarsi presso il locker, digitare il codice ricevuto, effettuare il pagamento tramite pos e ritirare la merce, che sarà opportunamente impacchettata e con lo scontrino fiscale. Ci è sembrato un buon modo sia di evitare code all’interno della farmacia sia di garantire a tutti il più alto livello di sicurezza e di minor esposizione possibile al contagio”.

Il ‘distributore’ di parafarmaci era già nei piani di rinnovamento della farmacia Serra: “Poi quando è scoppiata l’emergenza coronavirus ci siamo rivolti ad una ditta specializzata, abbiamo richiesto alcune modifiche e l’installazione è arrivata a Voltri. L’abbiamo testata è perfettamente funzionante. Una volta che ci sarà l’allaccio al circuito bancario, ed è questione di pochissimo, saremo pronti a metterla in funzione”. La farmacia Serra arriva per prima tra le circa diciannovemila farmacie di tutta Italia ad avviare una sperimentazione di questo tipo. Intanto Maddalena Leale ed Edoardo Schenardi continuano a portare avanti tutta la loro attività sui social network, che è sempre utile, preziosa e qualificata sia a livello informativo che formativo. In questi giorni, com’è ovvio, l’argomento è il coronavirus: “Siamo un po’ congestionati in farmacia, ma il nostro post lo facciamo sempre, ovviamente riprendendo sempre fonti qualificate”. La farmacia Serra in questo senso è un punto di riferimento a 360 gradi in quanto non fornisce un servizio esclusivamente commerciale, ma anche sociale. Nella speranza che l’emergenza termini il prima possibile. Ma il locker, essendo un investimento importante, continuerà anche dopo, ed è probabile che sia implementato. Tanto perché la farmacia Serra non perda mai il ‘vizio’ di arrivare per prima.

Alberto Bruzzone

Leggi tutte le notizie di FARMACI E DINTORNI ›

Farmaci e dintorni

Maddalena Leale ed Edoardo Schenardi della Farmacia Serra sono i farmacisti più social d’Italia. Sposati, con 4 figli, hanno iniziato a usare il web vent’anni fa andando alla ricerca dei prodotti più utili e innovativi e da allora non si sono più fermati e attraverso i canali social mettono a disposizione di tutti la propria esperienza (e il wi-fi per chi va direttamente in farmacia) con consigli e tutorial, per fare della rete uno strumento davvero di pubblica utilità.
Ed è così che anche con questa rubrica, dispensano informazioni, smascherano fake news e svelano, in modo divertente e curioso, cosa c’è in un bugiardino.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium