/ Genova

Genova | 24 marzo 2020, 12:42

Costa Luminosa a Savona, Caprioglio: "La nave lascerà la città dopo le operazioni di sanificazione"

Intanto sono salite a otto le persone, sbarcate dalla nave, che sono state ricoverate negli ospedali liguri. Per ultimo un membro dell'equipaggio che presentava febbre e difficoltà respiratorie

Costa Luminosa a Savona, Caprioglio: "La nave lascerà la città dopo le operazioni di sanificazione"

"Sono soddisfatta che la mia richiesta che la nave Luminosa una volta terminate le operazioni di sbarco di passeggeri e parte dell'equipaggio lasciasse il porto di Savona sia stata accolta da Neil Palomba".

L'amministratore di Costa Crociere, come specificato dal sindaco di Savona Ilaria Caprioglio, ha confermato, nel corso della videoconferenza che si è svolta questa mattina per fare il punto sull’emergenza Costa Luminosa, con la partecipazione dell’assessore regionale alla Protezione civile Giacomo Giampedrone e i rappresentanti del Dipartimento nazionale di Protezione civile, di Costa Crociere, Prefettura e Questura di Savona, Asl2, che al termine delle operazioni anche di sanificazione la nave lascerà Savona ed ha rassicurato che nessuna altra nave della flotta Costa Crociere, attualmente in navigazione, effettuerà scali per lo sbarco passeggeri, come previsto dal decreto del MIT, nel porto savonese. 

"Desidero fare un ringraziamento particolare al Comandante della Capitaneria di Porto Francesco Cimmino per l'impegno profuso e la vicinanza che ha dimostrato verso la nostra Città in questi difficili giorni in cui ci siamo ritrovati ad affrontare un'emergenza mai accaduta prima" continua la prima cittadina savonese.

Intanto sono salite a otto le persone, sbarcate dalla nave, che sono state ricoverate negli ospedali ligure. Per ultimo un membro dell'equipaggio che presentava febbre e difficoltà respiratorie portato all'ospedale San Paolo di Savona.

Sono proseguiti anche questa mattina gli sbarchi protetti, è infatti partito il pullman della Croce Rossa con 19 passeggeri olandesi che stanno rientrando nel loro paese, mentre i passeggeri extraeuropei risultati positivi al Covid19 stanno raggiungendo la caserma dell’Esercito Riberi in Piemonte. La notte scorsa sono sbarcati anche i sei italiani che hanno raggiunto via traghetto il proprio domicilio in Sicilia e in Sardegna.

“In 72 ore dall’arrivo della nave a Savona – osserva Giampedrone - tutti i 719 passeggeri che erano a bordo sono stati sbarcati e accompagnati al proprio domicilio o in altre destinazioni protette in altre regioni. Rimangono alcune criticità che stiamo cercando di risolvere e che confermano quanto abbiamo evidenziato dall’inizio di questa emergenza ovvero l’assoluta necessità di completare il più rapidamente possibile le operazioni di sbarco e trasporto protetto di tutti i passeggeri e membri dell’equipaggio”.

Partiranno oggi in giornata con trasporti via terra gestiti da Costa Crociere anche 221 marittimi, che raggiungeranno destinazioni in Italia e in altri paesi Europei.

La riunione è stata aggiornata oggi alle 16 per capire tempi e modalità del trasferimento di circa 400 membri dell’equipaggio extra europei (indiani, indonesiani e filippini) per i quali Costa Crociere sta organizzando per le prossime ore voli charter non ancora confermati.

È stata comunicata anche la presenza a bordo in isolamento di alcuni marittimi positivi al Covid19 (esito di tamponi effettuati a Marsiglia) per i quali il tavolo dell’emergenza sta valutando tempi e modalità dello sbarco e destinazioni, probabilmente in un'altra struttura protetta fuori dal territorio ligure. 

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium