/ Cronaca

Cronaca | 24 marzo 2020, 14:44

Atp: dal 30 marzo sarà applicato l’orario di servizio festivo

Rolandelli: "Con quest’ulteriore limitazione riusciremo a mantenere un servizio globalmente in grado di collegare tutti i comprensori della provincia di Genova"

Atp: dal 30 marzo sarà applicato l’orario di servizio festivo

A seguito del decreto governativo nel quale di fatto si vieta a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati in un Comune diverso da quello in cui si trovano salvo che per comprovate esigenze lavorative, Atp ha stabilito di modificare l’attuale orario peraltro già frutto di una riduzione delle corse pari al 24% dei chilometri percorsi: dal 30 marzo in tutte le giornate della settimana sarà applicato l’orario di servizio festivo giornaliero, detto anche domenicale.

Con questa nuova azione il taglio complessivo rispetto all’orario invernale ordinario arriva a circa il 58% dei chilometri percorsi quotidianamente: una scelta che tiene conto delle esigenze di salvaguardia della salute pubblica in linea con i provvedimenti anti contagio. Ma anche una scelta fatta nella consapevolezza di dover continuare ad offrire un servizio adeguato, in particolare alle realtà più decentrate.

«Con quest’ulteriore limitazione - spiega Roberto Rolandelli, direttore Atp Esercizio - riusciremo a mantenere un servizio globalmente in grado di collegare tutti i comprensori della provincia di Genova: dobbiamo ringraziare i dipendenti e gli autisti per lo sforzo e l’impegno che continuano a profondere nel loro lavoro». L’orario, già pubblicato sul sito di Atp essendo appunto quello festivo, potrebbe prevedere integrazioni in caso di richiesta e accordo con le amministrazioni locali: «Non possiamo escludere - aggiunge Rolandelli - di organizzare sistemi di trasporto pubblico a chiamata, ovviamente su base comprensoriale e se richiesti dalle amministrazioni locali».

Anche le linee cosiddette turistiche, come la 82 tra Santa Margherita e Portofino, saranno salvaguardate sempre applicando l’orario festivo (17 corse in partenza da Santa per Portofino e 17 sulla tratta inversa). «Continueranno i controlli a terra da parte dei nostri ispettori – precisa Andrea Geminiani, coordinatore generale di Atp Esercizio - e sempre in collaborazione con le polizie locali e le forze dell’ordine, anche al fine di verificare il rispetto del decreto del governo. Inoltre la campagna di sanificazione dei mezzi sarà ulteriormente incentivata».

La decisione di Atp viene condivisa da Città Metropolitana, come tiene a dire Claudio Garbarino, consigliere delegato ai Trasporti: «Abbiamo dato via libera a questa modifica, è molto importante riuscire a mantenere il servizio che considero sociale soprattutto in questo periodo così difficile, per non lasciare indietro nessuno. È altrettanto fondamentale limitare le perdite economiche frutto del diminuito fatturato, per mantenere in ordine i conti aziendali e poter proseguire quel miglioramento del servizio in atto da tempo».

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium