Farmaci e dintorni | 18 febbraio 2020, 17:02

'112 Where are you': l'app che dovremmo avere tutti

Con questa app si può richiedere l’aiuto di soccorsi sanitari, di tutte le forze dell’ordine e dei vigili del fuoco

'112 Where are you': l'app che dovremmo avere tutti

Il titolo racconta già come la pensiamo su questa applicazione. Vi spieghiamo perché dovete scaricare 112 Where are you e dove.

Prima di tutto permette di chiamare le Centrali Uniche di Risposta del NUE 112, ovvero del numero unico di emergenza europeo. Con questa app si può richiedere l’aiuto di soccorsi sanitari, di tutte le forze dell’ordine e dei vigili del fuoco. 

permette alla centrale operativa di geolocalizzare la persona in pericolo grazie al Gps e alla trasmissione dati o sms.

Permette all'utente di fare una chiamata muta: se fosse sotto minaccia dalla centrale sentirebbero i rumori e potrebbero geolocalizzarla.

Permette di caricare dei contatti che in emergenza saranno avvertiti dalla centrale operativa in caso di bisogno.

I dati vengono utilizzati esclusivamente per la gestione della chiamata di emergenza.

Dove è utilizzabile 112 Where are you ?

Per ora in: Liguria, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Roma e provincia, , Bolzano, Trento e provincia, Agrigento, Catania, Caltagirone, Enna, Messina, Siracusa e Ragusa.

Come scaricare 112 Where are you?

Gratuitamente su Apple Store, Google Play, Windows Phone.

Sperando ovviamente che non ne abbiate bisogno e certi che l'obbligo per adeguarci alle normative europee  che avremo nel 2020 di avere un sistema funzionante su tutto il territorio sia in questo caso davvero utile.

Farmacia Serra

Leggi tutte le notizie di FARMACI E DINTORNI ›

Farmaci e dintorni

Maddalena Leale ed Edoardo Schenardi della Farmacia Serra sono i farmacisti più social d’Italia. Sposati, con 4 figli, hanno iniziato a usare il web vent’anni fa andando alla ricerca dei prodotti più utili e innovativi e da allora non si sono più fermati e attraverso i canali social mettono a disposizione di tutti la propria esperienza (e il wi-fi per chi va direttamente in farmacia) con consigli e tutorial, per fare della rete uno strumento davvero di pubblica utilità.
Ed è così che anche con questa rubrica, dispensano informazioni, smascherano fake news e svelano, in modo divertente e curioso, cosa c’è in un bugiardino.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium