Liguria: storia e leggenda | 16 maggio 2020, 14:00

Pannesi: la leggenda del santuario di Nostra Signora del Bosco

Era il 1555 quando Felice Olcese, sordomuto, riacquistò l’uso della parola in cambio di una pecora e dell’edificazione del santuario

Santuario di Nostra Signora del Bosco, Lumarzo, Liguria, Italia. Foto di Davide Papalini, licenza Attribution ShareAlike 3.0 Creative Commons

Santuario di Nostra Signora del Bosco, Lumarzo, Liguria, Italia. Foto di Davide Papalini, licenza Attribution ShareAlike 3.0 Creative Commons

Situato nella frazione di Pannesi, in via Nostra Signora del Bosco, il santuario di Nostra Signora del Bosco è un luogo di culto cattolico all’ interno del comune di Lumarzo, facente parte della città di Genova.  La leggenda narra che un caldo giorno di fine estate, esattamente il 12 settembre del lontano 1555, un buon uomo di nome Felice Olcese, stava tornando dai campi, dove ogni giorno, si recava per lavorare. Felice, sordomuto dalla nascita, era un abile osservatore e non perdeva occasione di cogliere durante il sentiero ogni dettaglio della natura. Quel giorno aveva portato al pascolo le sue pecore ed era molto stanco, quando una luce tra le fronde di una quercia, catturò la sua attenzione.

 

Una luce calda e angelica, nel bosco. Pixabay

Felice si avvicinò alla pianta e iniziò a osservarne i rami, attratto da un bagliore di quiete e pace. Quella luce, così angelica, lo portò a sedersi e ad appoggiare la sua schiena sul tronco dell’albero, fino a chiudere gli occhi per un meritato riposo. Nel momento in cui chiuse le palpebre, il bagliore aumentò fino a fargli spalancare gli occhi. Dinnanzi a lui la Vergine Maria, che non esitò a parlare. Chiese a Felice una pecora in dono e l'edificazione di un santuario che, sempre secondo il racconto religioso, indicò ella stessa il luogo e le dimensioni con un ramoscello di quella stessa quercia. Felice Olcese, con grande stupore, rispose con la parola. Il miracolo si esaudì e il contadino corse in paese, a raccontare il fatto. L’apparizione della Vergine gli aveva restituito la parola con un miracolo, in cambio di una pecora e di una promessa.

Tra le richieste della vergine, una pecora e una promessa per l’edificazione del santuario. Pixabay

Felice fu di parola come i suoi compaesani. Presto, sul luogo dell'apparizione sorse una primitiva cappella. Una lapide ne testimonia la presenza già nel 1583, mentre nel 1640 venne edificato un santuario mariano costruito dagli abitanti di Pannesi.

Per scoprire altre storie, leggende e segreti della Liguria:
“Borghi imperdibili della Liguria”, “Miti&Misteri della Liguria” e “Liguria da scoprire” di Dario Rigliaco (editoriale programma editore), in tutte le librerie.

Per seguire l’autore:
Facebook: dario rigliaco autore

Se volete conoscere la storia o la leggenda legata al vostro borgo o a un luogo della Liguria a cui siete particolarmente affezionati, potete fare una richiesta a  dariorigliaco@gmail.com.

 

Dario Rigliaco

Leggi tutte le notizie di LIGURIA: STORIA E LEGGENDA ›

Liguria: storia e leggenda

Dario Rigliaco, autore, sceneggiatore e attore. Appassionato di Liguria e non solo, tra le sue otto pubblicazioni editoriali, “Miti&Misteri della Liguria” e “Liguria da scoprire” (editoriale programma editore), oltre che la sceneggiatura della serie cinematografica girata e prodotta in Liguria “Game of Kings” (D&E Animation). Tra gli altri titoli di punta “Cene medievali con delitto, racconti e avventure, storia e ricettario” (DeFerrari editore) e il romanzo “Gli eroi con la speranza nel cuore”. Suo anche “Il ponte degli angeli”, l’opera letteraria con scopo benefico dedicata alla tragedia del ponte Morandi di Genova, illustrata dai bambini.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium