A casa con l'Architetto | 25 maggio 2020, 17:00

Le pareti di casa: come scegliere il colore giusto

Scegliere la parete giusta è importante, e può fare la differenza nella vostra casa, perché da essa dipendono la mobilia, il tipo di luce, e un'infinità di dettagli apparentemente insignificanti

Le pareti di casa: come scegliere il colore giusto

Quando conosco una nuova famiglia, prima ancora di scoprire la sua casa mi capita di rispondere ad alcune domande, ma la più frequente, dopo la fattibilità di un open-space, è quella del colore giusto per la propria casa. E' difficile rispondere in una maniera giusta senza entrare nello specifico di ognuna, poiché ha caratteristiche diverse che la contraddistinguono, come il soleggiamento, la tipologia di superficie, la capacità di riflettere o assorbire la luce, ma anche l'arredo e lo stile. Senza dimenticare che ogni tinta suscita in noi una sensazione diversa, che va al di là del gusto personale.

Scegliere quella giusta è però importante, e può fare la differenza nella vostra casa, perché da essa dipendono la mobilia, il tipo di luce, e un'infinità di dettagli apparentemente insignificanti.

Da dove iniziare?

Il modo più semplice è partire dalle gamme cromatiche che amate. Quando si inizia da qualcosa di certo, che ricorre spesso nella nostra vita, ogni accostamento viene elaborato con disinvoltura, e non sarà necessario ricorrere allo studio di una palette di tendenza, che non sempre si addice ai nostri gusti, o alle tradizionali combinazioni per un particolare stile decorativo.

  • Scegliendo il vostro colore preferito come base creerete una combinazione che dipenderà da esso, senza il bisogno di utilizzarlo in maniera massiccia su pareti, arredi e dettagli!
  • Se invece non siete convinti di usare la tinta che amate di più come partenza per dipingere i muri della vostra casa, allora usatela come accento, in dose minore, scegliendo un secondo fondo principale per l'intera stanza.

Prima di partire con le gamme colori più comunemente usate ho definito a una tabella che sintetizza il significato e l'utilizzo domestico di ognuna.

 

apartmenttheraphy| solidwoodkitchen| behance| thesefourwallsblog

clare| traits dcom| magazine studio shamshiri| m.domino

behance| interact china| warmlydecor| mad about the house| m.domino| diyerlife

Le tinte neutro

Vi starete chiedendo perché parlare di colore se le vostre tonalità preferite sono quelle più vicine al bianco. Avere preso in considerazione questo articolo è la dimostrazione che la vostra voglia di colore vi sta stuzzicando non poco, quindi perché non partire da una tonalità forte e smorzarla?

Ho voluto ripassare le gamme più comuni, che per abitudine o principio non si valutano mai perché si crede che siano troppo scure, vivaci oppure azzardate. Vorrei mostrarvi invece come ognuna di essa possa essere usata:

  • in saturazioni elevate, generando stanze dall'effetto "wow", oppure
  • essere presente in una quantità ridotta in quelle tinte che, per semplicità, chiamiamo neutre, ma che sfiorano tutti gli archi dell'arcobaleno. Ci sono i rossi, che schiariti diventano rosa, i blu azzurri, i verdoni e i marroni tortora.

 

I trend per il 2021

Ogni anno nel mese di Dicembre un colore viene scelto dall'azienda leader nel settore dei pigmenti per la sua influenza sul mondo del design e sull'impatto sociale. Il Blu Depth Pantone è il prescelto per il 2020 (L I N K ) e sta avendo un successo smoderato, merito della sua versatilità e facilità di accostamento, al contrario del living coral dell'anno precedente (L I N K ), più difficile e vincolante.

 

Pantone

 

Con lo slittamento del Salone del Mobile  (L I N K) di quest'anno è difficile fare previsioni esatte, ma sfogliando le riviste italiane e americane d'interni posso dirvi che nessun colore vivace sta interessando così tanto gli appassionati di design e interni come il blu.

  • Quello che è certo è che le tonalità desaturate, come il grigio e il tortora si stanno trasformando in delicati colori, perdendo il proprio status "neutrale".
  • E' confermato anche dai nuovi schemi che sintetizzano la casa nordica che le tinte-base si stanno intensificando, scurendo, mantenendo comunque un equilibrio delicato di toni chiari per il resto degli spazi.

 

Inizia da un campione!

Se non trovate il coraggio di pitturare un'intera parete partite da un piccolo rettangolo, magari posizionato dietro a un mobile, purché la quantità di luce che incide sulla parete di prova sia la stessa di quella che vorrete colorare.

Consiglio sempre ai miei clienti di acquistare una piccola latta di vernice, da mezzo litro oppure da un litro, in modo da confrontare più tinte, almeno due. Scelgo solitamente due pareti differenti, perpendicolari tra loro, con più e meno luce, in modo da osservare il cambiamento al variare della luce.

Stanze e colori

Ma quale colore si addice di più a una stanza? Ogni ambiente ha una specifica funzione, alla quale bisogna pensare prima ancora di abitarci, di acquistare mobili o scegliere il colore delle tende (L I N K).

 

Progetto Linea (L I N K)

 

A ogni stanza il suo colore?

E' una tendenza che vedo accogliere raramente nelle case, ed il motivo per cui si è propensi a scegliere un tono più deciso solo per uno o due vani piuttosto che per tutte le camere è racchiuso nell'equilibrio che il fil rouge delinea in uno spazio ricco di imput visivi, di forme o volumi diversamente articolati.

Le opzioni più comuni sono due:

  • uniformare la zona living con il corridoio e accendere il colore nelle camere della zona notte, oppure sulla parete della cucina o della televisione, per non creare disordine visivo
  • scegliere un colore deciso per tutto l'open space o la cucina, il corridoio e la zona distributiva neutro e le altre stanze in colori differenti

 

E' una valutazione oggettiva, ma fate attenzione a mescolare troppi colori, poichè anche se la singola stanza rimane chiusa, l'occhio memorizza ogni sensazione scaturita, positiva o negativa.

In questo articolo voglio soffermarmi sulla zona giorno, e più precisamente sulla cucina e il soggiorno, compreso il salone e la parete della tv (L I N K).

 

Cucina

Non si tratterà semplicemente di scegliere il colore della parete, quando quello del mobile, della base o del pensile, ma di uniformare il mobile al fondo, poiché la superficie che occupa il primo è solitamente maggiore della parete a vista.

Non consiglio mai una cucina con colori troppo accesi, poiché trascorrendoci molto tempo nessun elemento dovrà distrarre durante la preparazione del cibo o dei pasti.

  • Se il colore è vivace  meglio dare quindi rilievo a una parte, scegliendo una tinta neutro per le quattro pareti, oppure una sola
  • Se il colore è acceso ma desaturato si può invece decidere di utilizzzarlo sui quattro muri
  • Negli open space la cucina colorata diventa il punto di partenza su cui impostare tutto il resto. Lo stile e l'arredo seguiranno a ruota questo grande pezzo

 

Shakemyblog|Living corriere

Homestyle| Contemporist

Jenna Sue Design| Emily Henderson

bygeorgiagrace| Curbed

 

Soggiorno

L'anno dei greige è passato, lo dicono le case del 2021. Le pareti si scaldano, e i colori si accendono. Scegliere questo colore per il salone è comunque una certezza, poichè è difficile sbagliare abbinando qualcosa di stridente: la sua combinazione di beige, e grigio permette di accogliere sia le tinte calde e quelle fredde. Una dose proporzionata di colore è in grado di cambiare aspetto a questo spazio sociale, ma occorre ascoltare la reazione del nostro corpo ad uno specifica tinta.

Per questa zona giorno consiglio:

  • di optare per un solo colore, anche ad alta intensità, per le quattro pareti, per uno spazio omogeneo
  • per una base chiara evidenziare uno specifico spazio, legato a una funzione, attraverso il colore
  • non valutare solamente il colore della parete, ma il peso di ogni singolo elemento significativo presente all'interno dello spazio, come le tende, un grande divano oppure il colore del pavimento

 

Bianco, giallo e crema

I beige sono popolari per un buon motivo, in quanto aiutano a rendere qualsiasi spazio più grande e più luminoso.

  • se state però cercando di rendere più interessante una zona crema, fate risaltare il salotto aggiungendo dettagli castani o gialli, mantenendo alto il livello di interesse visivo
  • lavorate sulle texture, con accenti in tinta cuoio come cuscini, sedie a lato del divano, oppure portaoggetti
  • completate lo spazio scaldandolo: con dettagli dorati il soggiorno apparirà più audace ed elegante.

 

Boho decochic| Lekkerhome

 

Blu, nero e bianco

Bianco e nero sono un classico, una delle combinazioni più ricorrenti per i soggiorni degli ultimi secoli. Per dare una svolta a uno spazio desaturato vi basterà però aggiungere una ricca tonalità blu polvere per un mix raffinato.

Potete accostare più sfumature di blu tramite gli accessori, come i cuscini, il tappeti e gli oggetti decorativi.

Considerate bene i bordi che delimitano lo spazio compreso tra il soffitto e la parete verticale, solitamente compresi tra 1 e 5 cm, poichè definiscono lo stile della stanza, che da moderna e sofisticata può trasformarsi in una più semplice e nordica.

 

Ixxi your world| keltainentalorannalla

Martha Stewart| Article

 

Grigio, oro e bianco

Un modo per ravvivare un semplice soggiorno chiaro è quello di abbinare tonalità dorate.

Lavorate sulla regola americana del 60-30-10: scegliete una combinazione di grigio caldo per il 60% della superficie totale (pareti, mobili, dettagli), una tonalità oro o bianco latte per il 30% e un accento di nero o blu pavone intenso, pari al 10%.

E' un ottimo modo per trasformare un ambiente banale in uno audace ed unico.

Cocolapin |HelloHaus

Femkeido|<wbr></wbr>decouvrirlendroitdudecor

Verde e marrone

La combinazione di verde e  marrone è stata molto popolare negli anni '50, ma non negli ultimi anni per la sua capacità di scurire e ridurre gli spazi piccoli. Tuttavia si possono creare ugualmente stanze gradevoli anche con ambienti di piccole dimensioni, ma in questo caso è fondamentale un controllo del progetto e della luce anche con rendering.

Potete aggiungere alcune sfumature scure con il legno dei mobili per creare un calore retrò del tutto confortante.

Farrow and Ball| Lilipop

Adesso tocca a voi,che ne dite di partire da una stanza?

Giulia Grillo

Leggi tutte le notizie di A CASA CON L'ARCHITETTO ›

A casa con l'Architetto

Giulia Grillo, architetto esperto in interior design, ci accompagna in questa rubrica all'interno delle case, raccontando le richieste e le scelte dei clienti.
Forte della sua esperienza, che coniuga il mondo dell'arte a quello degli interni, raccoglierà le impressioni sulle ultime tendenze nel mondo dell'architettura, dell'arredamento e del design.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium