Cronaca | 12 luglio 2020, 14:10

Parco di Portofino: 53.000 euro per un centro di coordinamento sulle aree marine protette liguri

Mai: "La missione di questo centro sarà quella di puntare ad un miglioramento dell’integrazione fra uomo e ambiente marino"

Parco di Portofino: 53.000 euro per un centro di coordinamento sulle aree marine protette liguri

Stanziati 53.000 euro per creare nel parco regionale di Portofino il ‘Centro regionale per il coordinamento, la promozione ed il supporto delle aree marine protette liguri: “Questo progetto – dice l’assessore regionale ai Parchi e biodiversità Stefano Mai – permetterà di stabilire nel parco di Portofino un centro che avrà la funzione di coordinare, controllare, valorizzare e promuovere le aree marine liguri in un’ottica integrata dell’intero Mediterraneo”.

“La missione di questo centro – puntualizza Mai – sarà quella di puntare ad un miglioramento dell’integrazione fra uomo e ambiente marino, studiando approfonditamente gli ecosistemi delle aree marine protette e valutando i migliori interventi da effettuare per affrontare i cambiamenti climatici; sarà predisposto un piano di lavoro che terminerà il 30 giugno 2022, l'intenzione è quella di coinvolgere le istituzioni ed i soggetti che vivono e lavorano nelle aree marine protette".

Redazione

Leggi tutte le notizie di LAST TRAIN HOME - DIARIO DI UN PENDOLARE ›

Last Train Home - Diario di un Pendolare

Mi chiamo Andrea Di Cesare, sono nato a Genova, dove vivo, anche se dal 2002 lavoro a Milano e dal 2011 ho iniziato la mia esperienza di pendolare tra Genova e Milano viaggiando tutti i giorni lavorativi in treno sul quale trascorro mediamente tra le 3 e le 4 ore circa.

La vita del pendolare in Italia non è affatto semplice: viaggiare quotidianamente in treno per raggiungere il tuo posto di lavoro, peraltro con frequenti ritardi e disagi di varia natura, sottrae molto tempo alla giornata e spesso ti ritrovi a pensare a come potresti impiegare in modo più gratificante tutte quelle ore trascorse sul treno. E proprio le problematicità che caratterizzano il trasporto su rotaia dei pendolari in generale, e in particolare sulla tratta Genova-Milano, mi hanno portato ad accogliere, circa due anni fa, l’invito di un caro amico ad entrare, con il ruolo di portavoce, nel Comitato Pendolari “GenovaMilano-Newsletter”, convinto del fatto che difendere e tutelare i propri diritti di cittadino e di utente implica, nei limiti delle proprie possibilità, un impegno concreto.

 “Il Diario di un Pendolare” vuole essere un modo per raccontare, anche con un briciolo di piacevolezza, le esperienze di chi utilizza tutti i giorni il treno per recarsi al lavoro, offrendo al contempo spunti di riflessione su un fenomeno importante quale è quello del pendolarismo ferroviario.

Per qualunque domanda e segnalazione relative alle tematiche del pendolarismo sulla tratta Genova-Milano potete scrivere al seguente indirizzo mail: newsletter@genovamilano.it

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium