/ Attualità

Attualità | 23 luglio 2020, 14:51

Il ‘Palco sul mare festival’ al Porto Antico di Genova taglia il nastro della 25^ edizione

“Mare monstrum”, un viaggio-racconto di un'estate in equilibrio tra fantasia e realtà che condurrà il pubblico negli abissi di un mondo misterioso

Il ‘Palco sul mare festival’ al Porto Antico di Genova taglia il nastro della 25^ edizione

Un'estate di spettacoli con ‘Palco sul mare festival’, un’occasione per celebrare la 25^ edizione della manifestazione e proiettarla al futuro con rinnovato entusiasmo al ritmo di musica e gag, divertimento ed allegria: un calendario ricco di appuntamenti che si apre ufficialmente il 27 luglio alle 22 nella piazza delle Feste nel Porto Antico di Genova.

Con Giua&Bergallo in “Mare monstrum”, un live show, uno spettacolo musicale che incontra il cabaret e il talk in un crescendo dinamico e dai ritmi coinvolgenti; interpreti di questo viaggio-racconto due artisti: la musicista e cantante Giua che nel corso della sua carriera ha vinto numerosi premi e riconoscimenti per la canzone d’autore con all’attivo anche una partecipazione al 59° festival di Sanremo, e Alessandro Bergallo, attore di punta del Teatro della tosse ed autore.

È il racconto di un'estate al mare in equilibrio tra fantasia e realtà con la complicità e l’ironia degli artisti, la conduzione di Max Garbarino, la creatività di Andrea Begnini autore dei testi, e l’intervento di relatori che condurranno il pubblico negli abissi di un mondo misterioso popolato da mostri e creature marine, amori e animali. Spazio alla musica d’autore con Giua che, con la sua voce intensa ed espressiva, impreziosirà la serata con un repertorio di canzoni legate al mare, fonte d’ispirazione per numerosi brani del mondo musicale.

Un varietà ricco di spunti e contenuti, relazioni e similitudini in cui gli spettatori potranno scoprire, anche in chiave ironica, come alcuni comportamenti animali siano riferibili a quelli umani grazie alla presenza di due biologi dell’Acquario di Genova, Roberta Parodi e Guido Gnone, oltre alla sessuologa Sara Padovano. Per l’occasione verrà istituito un premio realizzato dall’orafo Dodo Mariani alla memoria del giornalista Emilio Carta, appassionato di mare e navigazione e primo grande sostenitore del festival.

Massimo Bondì

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium