/ Cronaca

Cronaca | 30 settembre 2020, 17:47

Approfittano di un accredito errato sul conto e fanno spese simulando poi lo smarrimento del bancomat: denunciata una coppia

A casa dei due sono stati trovati molti degli articoli comprati tra cui abiti, gioielli, attrezzi per l’edilizia e articoli per la casa

Approfittano di un accredito errato sul conto e fanno spese simulando poi lo smarrimento del bancomat: denunciata una coppia

Gli agenti del commissariato San Fruttuoso di Genova hanno denunciato una 38enne ed il suo compagno 31enne per il reato di furto aggravato in concorso e solo lei per simulazione di reato continuato: tutto ha inizio a giugno quando una donna, durante la compilazione di un bonifico di 10.000 euro, ha digitato un iban errato versando l’intera somma su un conto sconosciuto.

La donna, realizzato l’errore solo dopo alcuni giorni, ha richiesto alla beneficiaria lo storno dell’operazione e la restituzione dei soldi apprendendo dalla stessa che proprio in quei giorni aveva smarrito il bancomat e che ignoti avevano fatto prelievi ed acquisti in molti esercizi commerciali per più di 7.500 euro, aggiungendo anche che per questi fatti aveva già sporto denuncia; la malcapitata s’è rivolta alla Polizia chiedendo consigli su come recuperare la somma persa: i poliziotti, appresi i fatti, si sono insospettiti non credendo alle improbabili coincidenze ed avviando le indagini.

Fin da subito è emerso che la donna aveva effettivamente presentato denuncia di smarrimento della carta, ma aveva anche ricevuto nei giorni precedenti gli sms di alert relativi ad ogni transazione; anche i tabulati telefonici hanno confermato la presenza della coppia in tutti gli esercizi commerciali in cui avvenivano gli acquisti e da ultimo, durante la perquisizione a casa della coppia, oltre a 610 euro in contanti sono stati trovati molti degli articoli comprati, tra cui abiti, gioielli, attrezzi per l’edilizia e articoli per la casa.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium