/ Economia

Economia | 17 ottobre 2020, 06:19

Furti domestici a Genova: numeri in calo negli ultimi anni

Da sempre i furti domestici rappresentano uno dei reati più temuti

Furti domestici a Genova: numeri in calo negli ultimi anni

Da sempre i furti domestici rappresentano uno dei reati più temuti: al di là del danno economico che si può subire da situazioni simili, infatti, in molti detestano l'idea di veder così brutalmente violati i propri spazi.

Anche la provincia di Genova, ovviamente, è esposta a questo tipo di reati, ma i numeri che riguardano risultano fortunatamente essere in calo: è questo ciò che emerge analizzando le statistiche messe a disposizione dall'Istat sul proprio sito Internet e differenziate per province, consultabili a questo link.

I dati statistici dal 2014 al 2018 a cura di Istat

I dati in questione fanno riferimento al lasso temporale compreso tra il 2014 e il 2018, un quinquennio in cui il numero di furti domestici registrati a Genova è calato costantemente.

Nello specifico, nel 2014 si sono registrati 3.258 furti domestici, l'anno seguente 2.910, nel 2016 si è invece toccato quota 2.754, l'anno successivo 2.715 mentre nel 2018, ovvero l'ultimo anno relativamente a cui si conoscono le statistiche, questi reati sono stati 2.384.

Il calo è stato dunque costante e l'auspicio non può che essere che questo trend abbia trovato conferma anche nel 2019, come anche nel 2020 che si avvia a concludersi, ma non è il caso di esultare oltremodo in quanto le cifre rimangono su livelli non propriamente rassicuranti.

Oltretutto, bisogna considerare anche che Istat elabora solo ed esclusivamente i dati dei reati per cui si è regolarmente sporto denuncia, di conseguenza è verosimile immaginare che includendo i reati non denunciati la cifra reale dei furti domestici crescerebbe in modo non irrilevante.

Innalzare i livelli di sicurezza è fondamentale

La diminuzione di questo tipo di reati, la quale peraltro rispecchia i generali trend nazionali, è dunque un trend positivo, ma nel consultare queste statistiche risulta evidente che la minaccia sia ancora concreta, a Genova proprio come in molte altre province, di conseguenza è necessario attrezzarsi a dovere.

Si auspica, ovviamente, una maggiore sicurezza pubblica generale, ma anche il cittadino deve fare il suo; proteggere in modo efficace la propria casa dai furti, d'altronde, oggi non richiede affatto una grossa spesa, quindi può bastare davvero poco per scongiurare il verificarsi di bruttissime sorprese.

Come rendere più sicura l'abitazione

Come muoversi? Anzitutto è fondamentale verificare che la propria casa sia protetta da una porta blindata di qualità, allo stesso tempo non bisogna trascurare gli infissi, dal momento che in molti casi i malviventi riescono a insinuarsi negli ambienti interni proprio tramite finestre e portefinestre: installare modelli con elevate capacità di resistenza alle effrazioni come quelli proposti da finestreportegenova.it consente senz'altro di evitare situazioni simili.

Oggi, ovviamente, la sicurezza di una casa è legata anche alla tecnologia, e se in passato era necessario spendere non poco per realizzare degli impianti validi, oggi la situazione è completamente differente.

Gli impianti antifurto disponibili in commercio ad un prezzo accessibile sono tantissimi e presentano le caratteristiche tecniche più disparate, includendo anche modelli di ultima generazione quali gli impianti nebbiogeni e fumogeni oppure quelli domotici, controllabili e gestibili direttamente dal proprio smartphone.

Come non menzionare, inoltre, gli impianti di videosorveglianza, utilissimi soprattutto nei contesti in cui sono presenti dei giardini o degli spazi outdoor privati; tali soluzioni sanno essere provvidenziali anche a livello condominiale.


Richy Garino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium