/ Attualità

Attualità | 22 ottobre 2020, 18:37

Cimitero di Palmaro, le scale nuove sono più pericolose di quelle sostituite

La capogruppo della Lega a Palazzo Tursi, Lorella Fontana, rivolge un’interrogazione a risposta scritta all’assessore competente, Matteo Campora: “Servono strutture più aderenti alle pareti dei loculi”

Cimitero di Palmaro, le scale nuove sono più pericolose di quelle sostituite

Quando il rimedio è peggio del male. Molto peggio. Succede anche questo, al cimitero di Palmaro, dove le vecchie scale per raggiungere i piani alti dei loculi sono state sostituite, nelle scorse settimane, da alcune nuove strutture. Sarebbe tutto bello e tutto ben fatto, ci mancherebbe, se non fosse che le nuove scale rimangono lontanissime rispetto alle pareti e che chi frequenta il camposanto corra non pochi rischi di caduta, dovendosi allungare notevolmente per posare i fiori o anche solo per dare una ripulita alla lapide del proprio caro estinto. 

Una situazione paradossale insomma, un lavoro nato male e finito peggio e ora bisogna intervenire prima che qualcuno si possa far male. 

I cittadini nei giorni scorsi hanno inviato parecchie segnalazioni ed è così che Lorella Fontana, capogruppo della Lega a Palazzo Tursi, ha protocollato un’interrogazione con richiesta di risposta scritta all’assessore comunale con delega ai Servizi Cimiteriali, Matteo Campora, chiedendo chiarimenti e anche una pronta risoluzione al disagio. 

Lorella Fontana ricorda “che presso il cimitero di Palmaro sono state sostituite le vecchie scale, per consentire l’accesso ai loculi alti della galleria. Ma, come si evince dalle foto inviatemi da cittadini, la presenza di tombe a terra corredate con portalumi non consentono l’avvicinamento delle scale stesse alla parete dei loculi, e le persone anziane hanno gravi difficoltà a poter deporre fiori presso i loculi dei loro cari posizionati a una certa altezza. Inoltre, mi è stato riferito che le scale sono di scarsa stabilità ed essendo molto traballanti creano ancora più problemi per le persone anziane, che non hanno la possibilità di salirci in sicurezza”. 

La consigliera comunale fa presente che per i cimiteri cittadini si annuncia il periodo di maggior afflusso, in occasione della Commemorazione dei Defunti, e quindi chiede all’assessore Campora “di valutare l’acquisizione di scale che possano essere meglio utilizzate dall’utenza, soprattutto che possano essere meglio aderenti alla parete dei loculi ed abbiano anche un’adeguata stabilità”.  

Secondo la capogruppo a Tursi, “un sopralluogo tecnico prima di un tale acquisto si renderebbe necessario, soprattutto per verificare le condizioni dell’area e il tipo di scale che viene richiesto”. 

Non è la prima volta che si presenta questo problema, ma evidentemente l’esperienza passata non è stata sufficiente. L’anno scorso, infatti, lo stesso intoppo capitò al cimitero di Pegli. 

Intanto, nei giorni scorsi in Consiglio Comunale si è parlato delle criticità di un altro cimitero, quello di Coronata. L’assessore Campora ha risposto a un’interrogazione a risposta immediata (ex articolo 54) presentata dal consigliere comunale di Fratelli d’Italia, Valeriano Vacalebre. “Abbiamo avuto un incontro con i volontari che si occupano della piccola manutenzione del cimitero - ha spiegato il rappresentante della Giunta Comunale - Hanno chiesto un supporto relativamente agli sfalci, cosa che faremo. Abbiamo predisposto un progetto che ammonta a ottocentomila euro e prevede il rifacimento degli ossari, delle scale, delle coperture. Per l’utilizzo dei servizi igienici, abbiamo chiesto alla competente Direzione di attivarsi per renderli disponibili per le imminenti ricorrenze dei defunti. In questo momento stiamo predisponendo il piano triennale dei lavori e cercheremo di inserire, stante la situazione economica difficile, anche i lavori relativi ai cimiteri, non solo quello di Coronata”.

Alberto Bruzzone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium