/ Cultura

Cultura | 14 gennaio 2021, 12:10

Università di Genova e Istituto Italiano di Tecnologia siglano un nuovo accordo

Per diventare protagonisti nel campo dell'Intelligenza Artificiale in Italia e in Europa

Università di Genova e Istituto Italiano di Tecnologia siglano un nuovo accordo

L'accordo dà l’avvio all’AI Initiative Genova per rendere la città un incubatore di nuovi progetti e talenti, anche al servizio delle imprese. L’IIT e Università di Genova rafforzano la loro presenza nella rete europea ELLIS.

Genova, 14 gennaio 2021 – L’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) e l’Università di Genova (UniGe) rafforzano il loro ruolo di riferimento italiano e internazionale per l’Intelligenza Artificiale (IA) siglando un nuovo accordo per la costituzione di una joint initiative sul machine learning, dal nome “AI Initiative Genova”, mirata a consolidare ed espandere le loro attività di ricerca e a rendere il gruppo di ricerca un incubatore di nuovi progetti, avendo come focus la formazione di giovani talenti e il trasferimento tecnologico verso le imprese.

IIT e UniGe hanno costituito da poco l’Unità italiana “ELLIS Genova” (https://ellisgenoa.eu/), facente parte della rete europea ELLIS - European Laboratory for Learning and Intelligent Systems (Laboratorio europeo per l'apprendimento e i sistemi intelligenti) costituita da 30 laboratori d’eccellenza internazionali. L’obiettivo della rete è quello di consentire all'Europa di competere con Stati Uniti e Cina, paesi con forti investimenti nell’IA, attraverso un’intensa collaborazione tra i migliori laboratori del continente e la promozione di un impegno economico dei diversi membri dell’Unione Europea.

Il nuovo accordo tra i due istituti genovesi rappresenta un’ulteriore prova della volontà di rendere Genova una città attrattiva per i ricercatori e studenti in IA, dentro e fuori dall’Italia. L’accordo prevede un piano di formazione di base e avanzata per formare esperti di IA che possano avere un impatto immediato sia nel mondo della ricerca che in quello industriale. La joint initative, infatti, tra IIT e UniGe vuole rendere Genova uno degli hub Europei per la ricerca sull’IA ed il machine learning, con ricadute nel tessuto industriale e nella società. 

“L’Intelligenza artificiale è un elemento strategico su cui le grandi potenze mondiali stanno investendo e su cui anche l’Italia dovrà contare. Con la “AI Initiative Genova” siamo pronti a mettere a disposizione le nostre competenze per affrontare le sfide fondamentali della ricerca in questo campo, auspicando impatti economici e sociali positivi” – dichiara Massimiliano Pontil, Direttore dell’Unità genovese di ELLIS e ricercatore IIT.  

 

I ricercatori coinvolti nell’Unità di Genova sono figure di riferimento per gli studi sul machine learning e l’intelligenza artificiale. Di recente, durante la conferenza internazionale NeurIPS, la più importante nel settore, l’Unità ELLIS Genova ha presentato 9 dei 22 lavori provenienti dall’Italia, affermandosi tra i gruppi più forti del nostro Paese e a livello mondiale. Tra i lavori presentati figurano nuove soluzioni per aumentare la sostenibilità energetica dell’IA, lo sviluppo di sistemi di IA che soddisfano requisiti etici e non-discriminatori, e lo studio di nuove teorie di machine learning.

“La nostra unità ha piani ambiziosi e la presenza a conferenze internazionali del settore dimostra che la nostra ricerca è all’avanguardia e che abbiamo la possibilità di diventare un hub di riferimento per l’Italia e l’Europa” – commenta Lorenzo Rosasco, co-direttore dell’Unità genovese di ELLIS e Professore ad UniGe.

L’impatto energetico dell’IA è una delle grandi sfide contemporanee da affrontare per potere arrivare a società digitali e low-carbon, ovvero con basse emissioni di CO2. Lo studio realizzato dai membri di ELLIS Genova consente di applicare ai big data (miliardi di punti) tecniche di machine learning che richiedono un tempo di esecuzione di pochi minuti, anziché giorni, riducendo il consumo di energia. Il gruppo, inoltre, è impegnato nello sviluppare tecnologie di IA che non violino diritti fondamentali dell’uomo, quali la privacy o l’equità (di genere, di etnia e di pensiero), un filone di ricerca in cui l’unità si trova all’avanguardia. Infine, altro tema di interesse, è lo sviluppo di algoritmi robusti in grado di adattarsi a nuovi contesti, da quelli più sperimentali a quelli più applicativi.

Comunicato Stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium