/ Politica

Politica | 05 marzo 2021, 16:08

Antenne per telefoni cellulari, presto una mappa nel Levante cittadino

La proposta di Maurizio Uremassi che discuterà la pratica in commissione: “Voglio verificare le posizioni e le eventuali incidenze sul territorio”; interessati tutti i gestori

Antenne per telefoni cellulari, presto una mappa nel Levante cittadino

Mappare tutti gli impianti di telefonia previsti dai gestori: questo l’obiettivo di Maurizio Uremassi (Cambiamo con Toti) presidente della seconda commissione del Municipio IX Levante. Spesso le persone temono problemi di salute quando vedono spuntare nuove antenne, così si rivolgono agli amministratori per capire se preoccuparsi o meno delle nuove installazioni che si aggiungono alle numerose già presenti e ben visibili, e che sembrano incombere sulla città.

“Intendo portare in commissione questa pratica che ritengo assai importante e per nulla trascurabile - spiega il capogruppo - poiché voglio verificare le posizioni e le eventuali incidenze sul territorio, chiederò in seconda commissione di redigere una mappatura aggiornata”. Un anno fa si annunciava l’installazione di 57 antenne di telefonia mobile da attivare per la tecnologia 5G su tutto il territorio genovese; nel Municipio IX il quadro previsto era questo: via ai Piani di Ferretto (presso il campo sportivo); via Niccolò Copernico; via Sant’Ilario; via al Monte Fasce (località Carupola), tra l’altro con indirizzo non specificato, come per via Cianciullo; seguiti da via Bottini; via San Rocco a Nervi; via G. Maggio.

L’iniziativa era frutto di un protocollo firmato a febbraio tra il comune di Genova e la Vodafone-Omnitel che intendeva potenziare la rete telefonica mobile dell’operatore tramite la banda ad alta frequenza; i ripetitori si sarebbero distribuiti su tutti i municipi di Genova ed installati su torri già presenti ed attive alle quali sarebbero state aggiunte ulteriori antenne in grado di trasmettere la nuova tecnologia 5G. L’intervento sulla struttura già esistente rappresentava uno dei cardini su cui s’è basata la redazione del piano considerato quale miglior compromesso tra esigenze di copertura e qualità del servizio garantito all’utente, riducendo contemporaneamente l’esposizione dei cittadini.

Nelle settimane scorse Uremassi ha avuto modo di parlarne in una riunione che ha avuto luogo in videoconferenza vista la ben nota impossibilità d’incontrarsi in presenza provocata della pandemia, col presidente insieme ai vari gestori degli impianti di telefonia convocati. Nel Municipio IX Levante si riaffronta la questione in relazione ad un discorso più ampio e generale che riguarda l’intero territorio cittadino: “Vorrei capire bene che cosa accadrà nel nostro Municipio - chiude Uremassi - e per questo motivo inviteremo tutti i gestori”.

Alla prossima riunione sarà invitato anche l’assessore comunale Matteo Campora che, tra le varie deleghe, ha quella all’Ambiente. Oltre quest’argomento approderanno in seconda commissione anche le varie manutenzioni del Municipio IX Levante, da Nervi a Quarto, senza tralasciare Quinto, fino a Sturla: le installazioni dei telefonini cellulari tuttavia saranno affrontate prima perché l’obiettivo è venire a conoscenza del crono programma d’intervento previsto dai gestori nell’arco di tutto l’anno; sempre un anno fa anche gli atri gestori Tim e Wind-3 stavano lavorando alla nuova rete a 5G col criterio della condivisione delle torri già presenti per installare anch’essi nuove antenne.

Rosa Cappato

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium