/ Cronaca

Cronaca | 15 aprile 2021, 11:45

Albenga, passeggera chiede di spostare bagagli: aggredita insieme al capotreno da tre viaggiatori senza biglietto

Il fatto accaduto il 14 aprile sulla tratta ligure dell'intercity 660. ORSA Liguria: "Si intensifichi l'attività di controllo: il treno deve essere un luogo sicuro, non un far West per portoghesi e malviventi"

Albenga, passeggera chiede di spostare bagagli: aggredita insieme al capotreno da tre viaggiatori senza biglietto

"La segreteria regionale ORSA Ferrovie Liguria esprime la propria solidarietà al collega aggredito sul treno intercity 660 il giorno 14 aprile 2021". Si apre così la nota dell'Organizzazione Sindacati Autonomi e di Base nella sezione che si occupa di ferrovie.

Secondo quanto riportato, giunti nei pressi della stazione di Albenga il capotreno, per difendere una viaggiatrice vittima di un'aggressione a bordo da parte di tre individui privi di biglietto scagliatisi con improvvisa e feroce violenza dopo che questa aveva chiesto loro di spostare i bagagli che intralciavano il passaggio per poter raggiungere un altro vagone, ha messo a repentaglio la propria incolumità, facendo da scudo con il proprio corpo per evitare che la situazione degenerasse, rimanendo entrambi feriti.

"Chiediamo alle istituzioni e all’azienda di attivare tutte le risorse possibili e di intensificare le attività di prevenzione e repressione - si legge ancora nella nota - Non è accettabile abbassare la guardia su temi importanti come la sicurezza dei lavoratori e dei viaggiatori. Le misure individuate per combattere il fenomeno delle aggressioni a bordo dei treni non sono sufficienti".

"Il treno deve essere un luogo sicuro, non un far West per portoghesi e malviventi, ancor più nel periodo attuale, dove insiste la pandemia a livello globale, e dove il personale dei treni rischia quotidianamente la propria incolumità per il pericolo reale di contagi su treni, in particolare quelli del Trasporto Regionale, spesso affollati e dove non è possibile garantire un minino di distanziamento" continuano dall'organizzazione sindacale.

Roberto Cesario, Segretario Regionale di ORSA Ferrovie Liguria, afferma che "è necessario istituire un tavolo permanente sulla sicurezza che coinvolga i rappresentanti dei lavoratori, i vertici territoriali del Gruppo FS e le istituzioni competenti sulla materia".

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium