/ Politica

Politica | 16 aprile 2021, 12:19

Candia (Lista Sansa): "Chiediamo un tavolo permanente per la cultura"

"In un periodo di difficoltà per tutte le categorie, sembra quasi che essere attore, musicista, danzatore o tecnico sia una 'passione' e non un lavoro"

Candia (Lista Sansa): "Chiediamo un tavolo permanente per la cultura"

Un tavolo permanente sulla Cultura in Liguria per avere uno sguardo attento e a 360 gradi sul mondo creativo: è questa la proposta della consigliera regionale Selena Candia (Lista Sansa).

La proposta della Lista Sansa si pone obiettivi concreti che possano giovare al settore culturale e creativo che, dopo un anno dalla chiusura di musei, sale teatrali e da concerto, è tra i più colpiti dalla crisi economica legata al Covid. Tra questi obiettivi ci sono aiutare i lavoratori e le lavoratrici della cultura (con particolare attenzione agli artisti emergenti) e formare i futuri fruitori dei prodotti culturali. Per far questo il tavolo intende riunire le istituzioni, i principali rappresentanti del settore culturale ligure (come ad esempio il Teatro Carlo Felice, il Conservatorio Paganini, l’Accademia Ligustica, nonché le Associazioni di lavoratori del settore come i MIG…) l’Università e l’USR Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria.

"Il lavoratori dello spettacolo e della cultura hanno bisogno d’aiuto - ricorda Selena Candia - In un periodo di difficoltà per tutte le categorie, sembra quasi che essere attore, musicista, danzatore o tecnico sia una “passione” e non un lavoro. Eppure in Liguria sono in centinaia a guadagnarsi da vivere così. Gli artisti sono un patrimonio da preservare: altrimenti rischiamo di ritrovarci con una schiera di professionisti con capacità uniche costretti a cambiare mestiere, perché le istituzioni si sono dimenticati di loro".

Il progetto è stato elaborato grazie al gruppo “cultura” della Lista Sansa – uno spazio di dibattito nato dopo le elezioni regionali e composto da esperti del settore – ed è ritenuto necessario e attuale anche in relazione all'agenda Onu 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, nella quale ben 11 dei 17 obiettivi individuati sono legati alla cultura. 

“In vista di una ripartenza è importante puntare sulle nuove generazioni, ovvero sui futuri fruitori dei prodotti culturali favorendo il dialogo tra scuola, università, istituzioni e rappresentanti del settore culturale in Liguria – continua Candia -.  La cultura deve diventare un elemento fondante nella formazione delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi”.

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium