/ Attualità

Attualità | 15 maggio 2021, 20:10

Covid, Toti: "Oltre mezzo milione di prime dosi di vaccino somministrate, Liguria ad un soffio dalla zona bianca"

Il governatore ha parlato anche dell'incontro con il ministro Garavaglia: "Abbiamo chiesto di allentare le misure e di consentire ai cittadini di tornare a vivere, credo non ci sia più motivo di mantenere il coprifuoco"

Covid, Toti: "Oltre mezzo milione di prime dosi di vaccino somministrate, Liguria ad un soffio dalla zona bianca"

“Oggi abbiamo superato il mezzo milione di prime dosi di vaccino somministrate nel nostro territorio, pari al 32,86% della popolazione residente, mentre il 18,24 % ha ricevuto anche la seconda dose. Rispettivamente, il 2,3 e 4,5 % in più rispetto alla media italiana. L’incidenza del virus sta scendendo in tutto il territorio: oggi la Liguria è a 56 casi su 100mila abitanti a settimana, ovvero a un soffio dalla zona bianca”. Il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti fa il punto sulla situazione Coronavirus in Liguria.

“La Città metropolitana di Genova è a quota 44, la provincia di Savona a 49 guidano la classifica – prosegue Toti - quella della Spezia è a 79 e quella di Imperia a 56, ma anche in quelle aree l’incidenza sta scendendo, come scende il numero delle persone ricoverate in ospedale: era dall’inizio di ottobre che non registravano numeri così bassi. Nei reparti di media intensità siamo sotto quota 300 posti letto occupati”.

“Purtroppo –prosegue Toti - registriamo 5 decessi, di cui 4 risalenti al mese di maggio e uno alle scorse settimane: anche un solo decesso è comunque troppo, ne siamo consapevoli, ma il fatto che cali il tasso di mortalità ci conferma l’utilità dei vaccini e che mettere in sicurezza rapidamente con questa imponente campagna vaccinale i cittadini più fragili sia stata la scelta giusta”.

“Oggi abbiamo incontrato il ministro del Turismo Massimo Garavaglia –conclude Toti - Abbiamo chiesto di allentare le misure e di consentire ai cittadini di tornare a vivere, alle persone di poter tornar e a frequentare i ristoranti, magari anche al chiuso e magari anche dopo le 22. Credo che non ci sia più motivo di mantenere il coprifuoco, serve essere attenti, monitorare, seguire con scrupolo l’evoluzione della situazione, ma anche di ritornare a vivere”.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium