/ Eventi

Eventi | 28 maggio 2021, 14:42

We play Football per ‘Tutti insieme in campo’

Giornata di sport dedicata alla solidarietà nel Municipio VIII Medio Levante: il torneo si svolge sabato 29 maggio e il ricavato andrà devoluto in beneficenza ai ragazzi autistici e con sindrome di Asperger che fanno terapia presso l’Accademia pedagogica Philos di Genova

We play Football per ‘Tutti insieme in campo’

We play Football per ‘Tutti insieme in campo’. L’associazione sportiva dilettantistica organizza questo evento nel Municipio VIII Medio Levante: un’intera giornata di sport dedicata alla solidarietà, con il patrocinio, la partecipazione finanziaria e la messa a disposizione di beni del Municipio Medio Levante.

Sabato 29 maggio dalle 9 alle 19 presso i campi Albarello e Cus Genova (nel campo esterno), in viale Gambaro, ecco l’importante manifestazione di calcio-tennis amatoriale (2V2), torneo di una sola giornata, in collaborazione con le istituzioni del territorio genovese.

L’obiettivo è raccogliere fondi per l’Accademia pedagogica Philos. La struttura è nata con lo scopo di ricercare e sviluppare il benessere psico-fisico e le risorse interne dell’individuo, tramite un impegno attivo in molteplici aree di intervento, ma in particolare offrendo professionalità e tecniche psico-educative avanzate nel campo dell’autismo, mediante progetti mirati e personalizzati (al singolo soggetto ma anche estesi all’intera famiglia), oltre alla formazione di tutte le figure professionali e familiari che ruotano intorno ad esso.

L’associazione sportiva ‘We play football’ è un’associazione sportiva che ha come principio fondamentale la crescita e la formazione del bambino attraverso il gioco del calcio. Non è una scuola calcio ma si pone come obiettivo quello di proporre un nuovo modo di avvicinarsi al mondo del pallone non in maniera agonistica, bensì attraverso un approccio ludico e formativo, finalizzato a una maggior conoscenza di se stessi e delle proprie capacità coordinative e tecniche calcistiche di base: “I nostri valori sono lealtà, correttezza ed educazione. Per noi non esistono vittoria o sconfitta ma solo imparare giocando”.

Il lavoro, oltre a essere svolto da personale professionistico qualificato, si basa su fasi programmatiche di avviamento, impostazione e sviluppo, al fine di apprendere il gioco, conoscere se stessi e i compagni. L’associazione si dedica all’inserimento di bambini autistici con sindrome di Asperger in una squadra di calcio. L’autismo, o meglio denominato ‘disturbi dello spettro autistico’, è un disturbo del neuro-sviluppo che coinvolge principalmente linguaggio e comunicazione, interazione sociale, interessi ristretti, stereotipati e comportamenti ripetitivi. La sindrome di Asperger è considerata una forma di autismo lieve che comprende disturbi comportamentali e relazionali, ma chi ne è affetto può condurre una vita assolutamente normale e soprattutto di successo.

Si manifesta nei bambini fra i 4 e gli 11 anni di età ed è più frequente nei maschi. Prende il nome dal pediatra viennese Hans Asperger. L’intero ricavato della giornata di sport e solidarietà sarà devoluto in beneficenza ai ragazzi autistici con sindrome di Asperger del progetto ‘Tutti insieme in campo’ che svolgono le loro terapie all’Accademia Philos. Premi in palio per il primo, secondo, terzo e quarto classificato.

 

Rosa Cappato

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium