A casa con l'Architetto | 31 maggio 2021, 17:00

10 segreti per arredare una casa piccola

Nella rubrica 'A casa con l'architetto' curata da Giulia Grillo

10 segreti per arredare una casa piccola

Rendere un piccolo spazio davvero accogliente può essere difficile, soprattutto quando le opzioni di decorazione sono limitate dal budget e dall'impianto planimetrico. Creare un ambiente personale attraverso alcune idee strategiche di design è il primo passo per impostare un progetto ricco di personalità. Disporre i mobili in una minuscola casa può esaltare o distruggere lo spazio a disposizione, ma stando attenti ad alcuni aspetti anche un progetto apparentemente complesso risulterà un gioco da ragazzi. Prima di partire con i punti principali da seguire per un buon progetto d’interni, vorrei iniziare con un breve “sì e no” riguardo alcune cose da fare e da non fare con l’arredo a disposizione. 

Sì e No

SI

  1. utilizzare mobili multi-funzionale.
  2. valutare tavoli estensibili o sedie impilabili per risparmiare spazio quando non tutti gli arredi si utilizzano
  3. valutare mobili su misura capaci di adattarsi alla sagoma dell’involucro. Così ogni minimo centimetro, apparentemente inutile, sarà utilizzato
  4. non posizionare arredi troppo ingombranti al centro delle stanze
  5. utilizzare tende più larghe della superficie finestrata. La parete sulla quale si sviluppano i bastoni sembrerà più  larga

NO

  1. bloccare percorsi, interrompere prospettive con mobili o accessori
  2. inserire arredi troppo grandi e sproporzionati
  3. esibire i propri oggetti nello spazio in maniera non accurata. Se possedete molti accessori, sviluppate un sistema di archiviazione customizzato, per nasconderle e mantenere ogni ambiente elegante e pulito.

Passiamo adesso ai 10 trucchetti  da seguire per rendere grande il vostro piccolo appartamento

1. Definire accuratamente aree separate

Quando si arreda un primo appartamento di taglia piccola il concetto di open space, a prima vista, può sembrare la soluzione migliore. Se immediatamente risulta affascinante, nel tempo una mancanza di suddivisione dello spazio può portare a un apparentemente disordine. Bastano pochi oggetti dislocati e mal posizionati a far sembrare l'intero appartamento caotico e non curato.

Pensate all'utilizzo che fate della casa, a definire aree separate e a dare a ognuna uno scopo specifico.

Ad esempio?

  • Per completare l'ingresso affiancate alla parete principale un’area dedicata al guardaroba, definita da un armadio su misura oppure da ripiani realizzati con lo stesso rivestimento del pavimento
  • Nella zona living create barriere mobili, ad esempio scegliendo un armadio bifacciale capace di  contenere oggetti e allo stesso tempo di fungere da tavolino, per dividere la sala da pranzo dalla cucina
  • Organizzate un angolo per lo studio, in un solo metro vi garantirete uno spazio vitale e funzionale

Mettete i vostri passatempo al primo piano, abbiatene cura, saranno per sempre parte della vostra vita, e se circoscritte in uno spazio dedicato, vi aiuteranno a risparmiare tempo ottimizzando la metratura a disposizione.

Piante, biciclette, esposizioni o pitture potranno diventare vere e proprie protagoniste, purché lo spazio da loro occupato sia chiaro e definito.

2. Una palette di colori chiari

 

La scelta del colore giusto per la casa è una delle cose più complesse, indipendentemente dalla cromìa della palette. Anche le tinte neutre, infatti, sono complesse da accostare, poichè devono armonizzarsi con l'esatta gamma di tinte dei mobili e degli altri elementi d'arredo. Il discorso è ancora più complesso e delicato se le case sono piccole; il ventaglio dei colori scelti deve aiutare a creare l’illusione di uno spazio più grande, disteso e continuo, senza interruzioni troppo brusche.

No quindi a pareti improvvisamente scure, soprattutto se vicine ad altre chiare, più delicate.

Sì alle tinte che si “sciolgono tra loro”, ossia che si somigliano e non sono in contrasto tra loro. Come ad esempio due tinte vicine sulla ruota dei colori 

Valutate colori tenui, mai bianchi assoluti, come i neutri, i pastello. Vi aiuteranno a creare spazi che sembreranno più aperti e ampi. 

Non abbiate paura dei colori sabbiati, ogni  tinta desaturata o lattiginosa, con una buona dose di bianco e grigio, vi regalerà atmosfere magiche, morbide, calde e ariose.

Quando gli spazi non sono estesi, la tavolozza di tinte dovrebbe essere incentrata su basi neutre, più riflettenti degli scuri. Ogni altro colore più acceso potrà essere inserito con facilità su ogni parete, come un accento!

3. Stratificazione, per aggiungere profondità

Quando visito le case prima che vengano ristrutturate, la cosa che noto più spesso è la mancanza di profondità. Recuperare questa dimensione è semplice se si accosta un giusto design allo spazio.

Come ottenere questo risultato?

  • lavorate sulle ombre, quindi sulle luci e sugli oggetti posti davanti. I rettangoli conseguenti alle sagome degli oggetti si prospettano come veri e propri livelli

  • osate con i tappeti. Oltre a definire un'eleganza esclusiva su misura, un preciso gusto estetico, creano volumi interessanti per l’occhio umano

  • arredate con la biancheria da soggiorno. Plaid distesi su divani, coperte a fondo letto o ancora cuscini apparentemente disordinati, in armoniosi contrasti materici creeranno una serie di livelli coordinati che amplieranno ogni volume.

È importante notare che la stratificazione non riguarda solo l’accatastamento di un elemento su un altro. Si tratta anche di creare contrasti sinuosi, di luce. Spesso le persone sono convinte che accostare tessuti similari sia la scelta migliore, l'unica; scegliere invece materiali, trame e motivi diversi è molto più stimolante, per nulla monotono.

Se ad esempio, il vostro divano è neutro, scegliete tessili o cuscini con fantasie audaci; la stessa cosa vale per i rivestimenti, se ad esempio il pavimento è uniforme nella forma e nel colore, optate per un tappeto più complesso, così da aggiungere spessore e peso visivo. 

4. Utilizzare superfici specchiate di grandi dimensioni

Può sembrare banale, ma gli specchi possono rendere la vostra stanza più grande. Creando un'illusione di profondità, sono in grado di rimbalzare la luce in profondità nella stanza vicina. Iniziate da un’area, e posizionate lo specchio su ampie pareti, per espandere la maggiore superficie possibile. Può essere una superficie incorniciata, un rettangolo luminoso, o ancora retroilluminato.

L'illusione di uno spazio molto più grande balzerà agli occhi anche attraverso i riflessi sulle pareti vicine alla parete specchiata. Se si utilizzano superfici che da pavimento arrivano a soffitto, oltre ad essere scenografiche, riflettono la luce in maniera naturale, con giochi d'illusione e profondità inaspettati.

5. Quadri dai disegni semplici

L'arte è ciò che più garantisce una personalizzazione della casa, alla pari del design d'arredo. Scegliere però fantasie semplici e temi leggeri, permette di far apparire la casa più delicata, non troppo elaborata o complessa. Che siano sculture attorno alle quali si può girare attorno per ammirarne la bellezza, o tele bidimensionali, l'arte è in grado di aumentare l'interesse visivo; tuttavia è importante non esagerare con l'estro e rispettare la dimensione e lo stile generale di una stanza, che può servire per espandere l'orizzonte, oltreché far sognare!

6. Tappeti che si fondono con il pavimento

Abbiamo parlato prima dell’importanza della stratificazione. Se da una parte l’utilizzo di un unico colore o materiale penalizza un ambiente, dall'altro utilizzare tinte sgargianti, o disegni troppo mappati può essere svantaggioso per lo spazio, che può apparire caotico e frastagliato, quindi ancor più piccolo. Utilizzate allora tessili che hanno in comune il colore con il pavimento.

Se non siete amanti dei tappeti potete invece, in alcuni casi, lasciare libera l’area di pavimento: se ad esempio il parquet utilizzato è il pezzo forte della vostra casa, lasciatelo libero da ogni decoro o tessile ed eliminare ogni oggetto che potrebbe coprirlo. Guadagnerete qualche metro in più, specialmente se il tavolino  posizionato vicino sarà trasparente o specchiato.

7. Un divano con schienale basso (e bello)

Come accennato in precedenza, utilizzare un divano proporzionato e di dimensioni ridotte, è sinonimo di bellezza: significa rispettare lo spazio e quindi tutte le azioni raccolte all’interno. Sceglierne uno con un'altezza e un profilo basso vi aiuterà a regalare alla vostra casa più spazio. I braccioli dovrebbero essere bassi, arrotondati o larghi, spesso inesistenti, per dare la priorità alle sedute e alla flessibilità di utilizzo.

Per rendere più fluido lo spazio potete prendere in considerazione i divani componibili, oppure le chaise longue e divani letto.

8. Fondere il colore dei mobili ingombranti alle pareti

Il mondo degli interni è bello perchè una soluzione si trova sempre, se si studia in maniera corretta ogni angolo con cura e attenzione. Se ad esempio non potete rinunciare ad arredi di grandi dimensioni, se li avete già acquistati o li volete recuperare, immaginatevi di fondere quel volume all'ambiente, alla parete sul quale è prospettato. Ad esempio scegliere il colore della parete di un colore simile alle pareti, così che ogni pezzo ingombrante non attiri la vostra attenzione in maniera negativa.

Unire in maniera attenta l'arredo alla muratura aiuta ad evitare interruzioni visive facendo spazio ad atmosfere rilassanti.

9. Illuminazione corretta

Accogliete ogni raggio luminoso in ingresso, ogni spazio illuminato sembrerà più grande e ogni oggetto più morbido, meno rigido. Se il vostro spazio è cupo ed esposto prevalentemente a nord, scegliete con cura la forma e la temperatura della luce di ogni lampada artificiale; se ben integrate e studiate, sono capaci di produrre una luce più simile possibile a quella naturale, calda ma non troppo gialla, brillante ma non accecante.

10. Mobili multiuso

Quando si ha a che fare con spazi piccoli, ogni centimetro conta, e la funzionalità acquisisce ancor più importanza. Considerate i mobili multiuso, ossia quegli  arredi capaci di assorbire una duplice funzione, facendovi risparmiare spazio. Possono essere pouf contenitori, divani con letto extra per gli ospiti, oppure piccoli scrittoi che, aperti, fungono da vere e proprie scrivanie.

Sfruttate ogni mobile, investendo in pezzi che svolgono una doppia funzione anziché raddoppiare i volumi all’interno di un’area ridotta.  Qualunque sia il mobile da che scegliete, assicuratevi che sia di dimensioni adeguate al vostro spazio. Sono oggi molte le aziende specializzate nella produzione di mobili smart, multifunzionali.

In sintesi ripensare agli spazi inutilizzati

Dopo aver vissuto in una casa per molto tempo, è facile rimanere bloccati in un progetto. E’ come riporre gli stessi abiti che sono contenuti nello stesso cassetto di sempre. Occorre considerare invece la possibilità che forse non si sta utilizzando quello spazio nel modo più efficace. Sfidate voi stessi, osservate meglio ogni angolo della casa, reinventatelo, e individuate le aree vuote, mai utilizzate, che non hanno un apparente scopo. Provate a pensare come quello spazio potrebbe essere riutilizzato, magari espandendo l’arredo vicino, o solamente spostandolo.

Un progetto d'interni è il primo passo per definire una casa su misura, per realizzare spazi a regola d’arte, funzionali e personalizzati. 

Giulia Grillo

Leggi tutte le notizie di A CASA CON L'ARCHITETTO ›

A casa con l'Architetto

Giulia Grillo, architetto esperto in interior design, ci accompagna in questa rubrica all'interno delle case, raccontando le richieste e le scelte dei clienti.
Forte della sua esperienza, che coniuga il mondo dell'arte a quello degli interni, raccoglierà le impressioni sulle ultime tendenze nel mondo dell'architettura, dell'arredamento e del design.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium