Attualità - 14 giugno 2021, 16:08

‘Potere alla parola’, un lavoro con i ragazzi di piazza Remondini a San Martino

Sul territorio del Medio Levante negli anni sono state individuate dai Servizi Sociali aree di particolare interesse, luogo di incontro per i gruppi di adolescenti e ragazzi, quindi occasione di confronto

‘Potere alla parola’, un lavoro con i ragazzi di piazza Remondini a San Martino

‘Potere Alla Parola’, ecco l’intervento educativo per San Martino. ‘Potere Alla Parola’ è il nome del progetto di cui si occupa l’assessore municipale Tiziana Notarnicola con delega, fra le altre, ai Servizi Sociali. 

“Nel territorio del Medio Levante sono state individuate, negli anni, dai Servizi Sociali Territoriali e dal Municipio VIII Medio Levante aree di particolare interesse perché sono luogo di incontro per i gruppi informali di adolescenti e ragazzi del quartiere e quindi occasione di confronto tra loro e diversi gruppi adulti, a seconda del contesto (genitori dei bambini delle elementari, proprietari degli esercizi commerciali, personale di diverse strutture educative o sociali, o semplicemente fruitori delle poche aree verdi presenti), ossia piazza Remondini, piazza Palermo e i giardini Govi”.  

Alcuni di questi luoghi, nello specifico piazza Remondini, sono quindi, per loro caratteristiche, quelli privilegiati nei quali gli operatori possono lavorare con i gruppi, mettendo in campo alcune delle funzioni tipiche dell’operatore dell’Educativa Territoriale, a fronte di segnalazioni della comunità, recepite dal Municipio e dallATS e condivise poi con il tavolo della Commissione mista del Centro servizi. 

È stata riconosciuta al gruppo coinvolto nel progetto la competenza nel conoscere desideri, bisogni e idee e soprattutto la realtà territoriale, l’area di Remondini, Lagustena, insieme alle Istituzioni e l’ATS. Si condivide un’azione sinergica tra tutte le agenzie socio-educative-animative presenti, per promuovere un empowerment comunitario.  

“Da alcuni anni promuoviamo iniziative comuni, come lo ‘spazio compiti’, in collaborazione con la scuola secondaria Boccanegra e l’Oratorio Fra le case, azioni specifiche rivolte a giovani adolescenti, a breve–medio termine, così da coinvolgerli in progetti partecipativi”. Si tratta di laboratori, piccoli eventi per ragazzi e la comunità. 

“In particolare, si sono messe in campo progettazioni partecipate soprattutto correlandole con azioni di contrasto al Drop out, insieme alla scuola secondaria di piazza Remondini, per valorizzare le competenze dei ragazzi tramite processi logici di bilancio di competenze, individuazione delle risorse, attivazione di iniziative per perseguire gli obiettivi”. 

Il progetto ‘Potere Alla Parola’ contempla anche la ‘peer education’: piccoli percorsi di formazione, che consentono ai giovani di scoprire come trasmettere informazioni agli altri, nei luoghi d’incontro. Gli educatori, in coppia, impegnati nel progetto, incontrano i giovani tre pomeriggi alla settimana, veri mediatori e facilitatori sia nell’ascolto delle problematiche, delle paure e dei pregiudizi, che nell’individuazione di occasioni e attività per sostenere e superare le difficoltà. L’elemento fondante è mettere in collegamento e in dialogo le necessità. 

“La conoscenza approfondita e puntuale del network territoriale, costruita negli anni di lavoro socio-educativo da parte delle organizzazioni che aderiscono a questo progetto di Educativa di Strada e Territoriale, è una risorsa preziosa per poter costruire percorsi di accompagnamento e occasioni di conoscenza verso le risorse istituzionali e non, presenti sul territorio”. 

Si pensa anche ai contrasti intergenerazionali, un lavoro costante degli operatori di mediazione sociale nella quotidianità, considerando che sono all’ordine del giorno liti e minacce tra gruppi di ragazzi e adulti, legate a futili motivi. Gli operatori coinvolti vengono, dunque, formati rispetto alla gestione dei conflitti. L’obiettivo è costruire un ambiente sociale disposto ad accogliere i piccoli o grandi cambiamenti, coinvolgendo l’intera cittadinanza, protagonista dei cambiamenti stessi.

Rosa Cappato

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU