Liguria: storia e leggenda | 03 luglio 2021, 15:30

La leggenda della notte magica in Val Nervia

La leggenda della notte magica in Val Nervia

Un giorno una famiglia che abitava in città, decise di andare a vivere in un paesino tranquillo.

 

Amavano la natura e scelsero un bellissimo borgo della Val Nervia, una delle più belle vallate del ponente ligure.

La gente, molto ospitale, li accolse con calore e ben presto, la vita frenetica del centro urbano da cui provenivano, lasciò il posto ad un clima più pacato, dove si era soliti condividere qualche momento con vicini ed amici degustando un buon dolce. Era tipico di quel luogo, lo produceva la gente stessa e una volta conosciuta la ricetta, quella famiglia volle provare subito a confezionarlo.

Sarebbero serviti dei fichi e in quel luogo c'erano molti alberi, ma quello che si trovava dinanzi alla loro casa, era ciò di cui avevano bisogno. Raccolsero quei frutti in un giorno qualsiasi e, seguite alla lettera tutte le indicazioni, lo prepararono.

Volevano offrirlo agli amici cittadini che ogni tanto si recavano a trovarli, ma ahimè, la ricetta non funzionò. Forse, la loro inesperienza li aveva traditi quindi ritentarono, ma anche questa volta, quel dolce era imperfetto. Provarono e riprovarono diverse volte ancora, ma purtroppo c'era sempre qualcosa che non funzionava.

Eppure, l'albero era sano, maestoso, con un fusto molto pregiato e pareva continuamente invitarli a raccogliere i suoi frutti.

Finché una notte di mezza estate, i raggi della luna non illuminarono quella pianta di una luce magica che, bagnata di rugiada, sembrava scintillare. Il cielo era stellato e qualcosa di misterioso, spinse quella famiglia a raccogliere i fichi in quel momento, proprio mentre scoccava la mezzanotte del giorno successivo.

Un'atmosfera surreale, fantastica, in cui la rugiada pareva avere un effetto straordinario, quasi prodigioso... E così fu; riuscirono finalmente a realizzare ciò per cui non si erano mai arresi e questa volta la ricetta era perfetta. Avevano scoperto l'ingrediente di una notte incantata che, tramandato di generazione in generazione, ha fatto conoscere quel dolce, in ogni luogo.

Ringrazio Annamaria Siccardi di Vado Ligure (Sv) per avermi raccontato questa leggenda. 

Segui l’autore si Instagram (dario111982) e su Facebook (dario rigliaco autore) per rimanere aggiornato sui tanti progetti letterari, cinematografici e non solo legati al territorio.  

Da segnalare inoltre, dello stesso autore di questa rubrica, la nuova pubblicazione “leggendaria” disponibile su Amazon: “Bretagna: miti misteri e leggende”. Link diretto

Inoltre, tante curiosità da scoprire su “Il medioevo in 333 risposte”, oppure le storie da brividi legate alla nostra penisola: “Streghe, Diavoli e altre leggende italiane”, “Miti&Misteri della Liguria”, “Avenius” o “Il Libro delle Pandemie”, per conoscere la storia degli avvenimenti pandemici del passato prima dell’attuale Covid-19... 

Se sei a conoscenza di una leggenda o una storia da raccontare legata alla Liguria, e vuoi farla conoscere, oppure sei stato protagonista di una storia oscura e misteriosa, puoi scrivere all’autore che la prenderà in considerazione: dariorigliaco@gmail.com. 

Dario Rigliaco

Leggi tutte le notizie di LIGURIA: STORIA E LEGGENDA ›

Liguria: storia e leggenda

Dario Rigliaco, autore, sceneggiatore e attore. Appassionato di Liguria e non solo, tra le sue otto pubblicazioni editoriali, “Miti&Misteri della Liguria” e “Liguria da scoprire” (editoriale programma editore), oltre che la sceneggiatura della serie cinematografica girata e prodotta in Liguria “Game of Kings” (D&E Animation). Tra gli altri titoli di punta “Cene medievali con delitto, racconti e avventure, storia e ricettario” (DeFerrari editore) e il romanzo “Gli eroi con la speranza nel cuore”. Suo anche “Il ponte degli angeli”, l’opera letteraria con scopo benefico dedicata alla tragedia del ponte Morandi di Genova, illustrata dai bambini.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium