/ Economia

Economia | 10 luglio 2021, 07:00

I movimenti dei prezzi sui mercati finanziari sono determinati da fattori psicologici

La teoria della finanza comportamentale è un campo di studio relativamente nuovo che esamina la psicologia del trader e i vari sentimenti che influenzano le sue decisioni di investimento.

I movimenti dei prezzi sui mercati finanziari sono determinati da fattori psicologici

La teoria della finanza comportamentale è un campo di studio relativamente nuovo che esamina la psicologia del trader e i vari sentimenti che influenzano le sue decisioni di investimento. I professionisti finanziari hanno da tempo riconosciuto l'importanza della psicologia nei mercati azionari. Aprendo un giornale finanziario, ci si rende subito conto che la pubblicazione di indicatori che misurano lo stato d'animo degli investitori può dare l'andamento dei mercati finanziari.

Alcuni accademici della finanza e dell'economia hanno scoperto che i fattori come le emozioni e la psicologia intervengono nel nostro processo decisionale. Esiste un'abbondante letteratura sull'argomento, restano da esplorare diverse strade di ricerca. In particolare, il legame tra i sentimenti degli investitori e le crisi finanziarie che rimane una questione empirica del tutto aperta. In effetti, questo problema ha suscitato l'interesse di alcuni ricercatori, che sostengono quanto l'aspetto psicologico degli investitori possa influire sulle crisi del mercato azionario. I risultati dei loro studi hanno confermato l'importanza del ruolo del sentimento degli investitori nello spiegare le crisi di borsa. Sembra che il sentimento degli investitori sia fonte, oltre alle variabili macroeconomiche, di ampie fluttuazioni dei prezzi delle attività finanziarie.

Alcuni brevi accenni sulla teoria della finanza comportamentale: a cosa serve e come comprenderla

La finanza comportamentale combina teorie psicologiche comportamentali e cognitive con l'economia e la finanza convenzionali per comprendere i fattori che influenzano il processo decisionale irrazionale di alcuni investitori ed i movimenti dei prezzi sui mercati finanziari.

Questa teoria, nata trent'anni fa e riconosciuta ufficialmente nel 2002, tende a dimostrare che gli investitori non sono sempre razionali. Le loro decisioni sono influenzate da errori sistematici di giudizio (pregiudizio cognitivo) o da fattori emotivi come la paura o l'eccessiva fiducia in se stessi.

La teoria della finanza comportamentale spiega che ai comportamenti degli investitori si aggiunge un effetto di mimetismo che ha un'influenza importante sullo sviluppo dei mercati, in opposizione alla “teoria dell'efficienza dei mercati”. In poche parole, identifica i comportamenti umani anomali e i loro effetti sugli sviluppi del mercato da utilizzare nelle strategie di investimento.

La finanza comportamentale si oppone alla teoria dell'efficienza dei mercati

La finanza comportamentale si oppone alla teoria dell'efficienza dei mercati che afferma che gli investitori sono perfettamente razionali nell'analizzare le informazioni ricevute per massimizzare la loro ricchezza e aumentare il loro benessere. Secondo questa teoria convenzionale sviluppata negli anni '50 e '60, i fattori esterni e le emozioni non possono influenzare gli individui nelle scelte economiche.

Tuttavia, è stato dimostrato che nella maggior parte dei casi il comportamento degli individui è spesso irrazionale nella vita reale, contrariamente a questa ipotesi. I fatti riscontrati in borsa, ad esempio, hanno largamente contribuito a contraddire questa teoria. Se gli investitori si sono comportati razionalmente, come è possibile che le azioni o il forex mostrino rendimenti più elevati l'ultimo e il primo giorno del mese o il primo dell'anno? O perché le azioni mostrano rendimenti inferiori il lunedì? Non esiste una spiegazione razionale per questi fatti. Questi sono semplicemente fatti relativi al comportamento umano.

I crolli in borsa, le bolle speculative e altre anomalie osservate in passato hanno spinto gli accademici a mettere in discussione la teoria dell'efficienza dei mercati. Si sono rivolti alla psicologia cognitiva per una spiegazione di comportamenti irrazionali e illogici che non potevano essere spiegati nella finanza moderna.

I fattori che influenzano la finanza comportamentale

Ci sono fondamentalmente due fattori di influenza: i fattori di influenze esterne nella finanza comportamentale e le anomalie di mercato.
Tra i fattori di influenze esterne possiamo menzionare: il meteo, il fine settimana, la socievolezza, l'ancoraggio mentale, il mimetismo, la conferma e l'ingranaggio.

Per quanto riguarda invece le anomalie di mercato sono spesso alla base di ampi movimenti di mercato che non sono sempre considerati nella teoria finanziaria classica. Alcune delle anomalie di mercato più note includono fattori direttamente correlati all'acquisizione della conoscenza. Possiamo citare elementi come il calendario o le anomalie meteorologiche. Ci sono anche reazioni insufficienti, reazioni eccessive e un'elevata volatilità del mercato da qualsiasi informazione o indicatore.

Oggi, la finanza comportamentale è ampiamente utilizzata da vari fondi di investimento durante crisi finanziarie e periodi di elevata volatilità per comprendere meglio gli investimenti e ottenere buoni rendimenti.

Richy Garino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium