/ Politica

Politica | 19 luglio 2021, 19:00

Ventennale G8, Berrino: "Striscione 'no foibe no party' una vergogna, incommentabile il silenzio della sinistra istituzionale"

"Si tratta dell’ennesima situazione di negazionismo delle foibe, una tragedia per troppi anni sottaciuta o minimizzata ma finalmente adesso conosciuta da tutti"

Ventennale G8, Berrino: "Striscione 'no foibe no party' una vergogna, incommentabile il silenzio della sinistra istituzionale"

“Uno striscione che è una vergogna: i centri sociali non perdono mai l’occasione di dimostrare quanto siano miserabili e beceri, Genova non merita di essere deturpata da tutto questo. Si tratta dell’ennesima situazione di negazionismo delle foibe, una tragedia per troppi anni sottaciuta o minimizzata ma finalmente adesso conosciuta da tutti". Così Gianni Berrino commenta il riprovevole striscione 'No foibe no party' esposto ieri a Genova durante la manifestazione per il ventennale del G8 del luglio 2001.

"Inoltre trovo veramente incommentabile - conclude Berrino - il silenzio della sinistra istituzionale che non ha condannato lo striscione offendendo così la memoria di nostri connazionali, tra cui Norma Cossetto, che hanno trovato la morte per odio ideologico dei comunisti titini”.

Comunicato Stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium