/ Eventi

Eventi | 09 settembre 2021, 17:38

Prosegue con l''Yidaki' il 30° Festival musicale del Mediterraneo di Genova

Uno dei termini indigeni del didgeridoo, strumento a fiato che produce sonorità profonde e continue grazie alla tecnica della respirazione circolare; appuntamento il 10 settembre al Museo delle culture del mondo

Prosegue con l''Yidaki' il 30° Festival musicale del Mediterraneo di Genova

Continua la programmazione della trentesima edizione del Festival musicale del Mediterraneo, la storica manifestazione dedicata alle musiche del mondo in programma a Genova dal 1° al 19 settembre in alcune delle location più suggestive e prestigiose della città – da Palazzo Ducale a Forte Begato, Palazzo Tursi, Castello D’Albertis, Villa Bombrini e Porto Antico – celebrando così tre decenni di musiche, impegno, passione, ricerca, sogni e realtà, sempre più sospinti verso nuove frontiere.

L'appuntamento del 10 settembre vede protagonista 'Yidaki' (Italia/Germania): la performance trae spunto appunto dall’Yidaki, ovvero uno dei termini indigeni del didgeridoo, strumento a fiato che produce sonorità profonde e continue grazie alla tecnica della respirazione circolare. Gli aborigeni dell’Australia Settentrionale lo suonano da millenni durante le cerimonie spirituali e le feste. In occidente è molto conosciuto per la sua versatilità, tanto da essere suonato in molti generi musicali a partire dalla musica classica, rock, jazz ambient, minimalista e quant’altro. Per il Festival musicale del Mediterraneo, esponenti, ricercatori e sperimentatori polistrumentisti come Andrea Ferroni, Luca Xodo, Fabio Gagliardi e Friedrich Glorian s'incontrano per un versatile omaggio al didgeridoo nella suggestiva location del Museo delle culture del mondo, divulgando la storia e i suoni di questo speciale strumento.

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium