/ Politica

Politica | 29 settembre 2021, 08:25

Registro sulla bigenitorialità e libro ricordo per le unioni civili, i due provvedimenti in consiglio soddisfano l'Arcigay

"I provvedimenti in Consiglio comunale sono segni di un dibattito riguardo le tematiche LGBTI+ attivo su più livelli", scrive l'Arcigay che invita all'inaugurazione della sede sabato 2 ottobre

Registro sulla bigenitorialità e libro ricordo per le unioni civili, i due provvedimenti in consiglio soddisfano l'Arcigay

"Nella seduta del Consiglio comunale di ieri 28 settembre sono stati approvati due punti importanti per la comunità LGBTI+ genovese". Lo scrive l'Arcigay di Genova.

"Il primo punto ha visto l’approvazione unanime da parte del Consiglio comunale dell’emendamento che prevederà l’iscrizione al “Registro Comunale per il Diritto del Minore alla Bigenitorialità” di minori il cui genitore sia parte di una unione civile. Questa integrazione permetterà di tutelare i minori all’interno di famiglie omogenitoriali in caso di separazione e quindi di affermare diritti e doveri delle coppie omogenitoriali.

Il secondo punto vede riconosciuto alle coppie che si uniscono civilmente un pari trattamento rispetto alle coppie che si uniscono in matrimonio, cioè potranno allo stesso modo ricevere il libro ricordo della celebrazione. Il provvedimento può apparire di poca sostanza, ma è invece simbolicamente importante e supera una discriminazione istituzionale perdurata fino ad oggi.

I provvedimenti in Consiglio comunale sono segni di un dibattito riguardo le tematiche LGBTI+ attivo su più livelli. Se da un lato potrebbe segnalare una maggiore disponibilità da parte delle forze politiche più sensibili ai temi LGBTI+ non può, d’altra parte, fermarsi a questo. Vogliamo che sia un ulteriore passo di un percorso politico e sociale di ascolto concreto delle istanze delle persone e di tutta comunità LGBTI+.

Desideriamo quindi estendere l’invito all’inaugurazione della nuova sede di Arcigay Genova sabato 2 ottobre (ore 16:30, via del Lagaccio 92R) alle Istituzioni cittadine, al Sindaco di Genova, ai presidenti dei nove Municipi e a tutte le figure politiche che vorranno confrontarsi con chi lavora per le istanze delle persone LGBTI+.

Redazione


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium