/ Attualità

Attualità | 17 ottobre 2021, 16:36

Donne, territorio e istituzioni: l’Unione donne italiane ne dibatte in Valpolcevera

Interessante, attuale ed opportuna iniziativa nei giorni scorsi al Dopolavoro ferroviario di Rivarolo su temi al femminile: vari i relatori illustri, tra questi il presidente del Municipio Romeo e la consigliera comunale Cristina Lodi

Donne, territorio e istituzioni: l’Unione donne italiane ne dibatte in Valpolcevera

Tra femminicidi, Afghanistan, crisi che penalizza soprattutto il lavoro femminile, scarsi aiuti sulla vita familiare decisamente più onerosa per la parte femminile, motivi di riflessione ce ne sono e, a dispetto dei discorsi di parità e tutela della donna, la strada da fare per una effettiva tutela delle donne e affermazione dei loro giusti diritti, appare ancora lunga: un momento che aiuta a ragionare in tal senso e può essere spunto d’interessanti idee ha avuto luogo nei giorni scorsi grazie ad un’interessante iniziativa dell’Udi (Unione donne italiane) che si è svolto al Dopolavoro ferroviario di via Roggerone a Rivarolo e il cui titolo costituisce già un interessante motivo di riflessione.

‘Come le istituzioni possono aiutare le donne e il territorio’ è infatti il titolo dell’incontro che ha esaltato la necessità di dibattere l’argomento, l’importanza della donna, centro della società e come il fatto di puntare sulla donna può giovare anche alla vivibilità del territorio. Il tutto reso particolarmente interessante dai relatori di eccellenza che hanno composto la scaletta del programma dell’iniziativa targata Udi in Valpolcevera.

A partire dallo stesso presidente del Municipio della vallata Federico Romeo e della compagna di partito nonché attiva consigliera comunale Cristina Lodi: a moderare il convegno Michela Alessio, con interventi e riflessioni di Lilia Valente, responsabile del Circolo Udi in Valpolcevera; Elida Brigati dell’associazione ‘Diritti degli anziani’; a seguire si sono alternati al microfono Felicina Innocenti dell’associazione ‘Insieme per caso’ ed Elena Tramelli, dirigente della scuola Teglia. Un momento da non perdere per importanza del tema e spessore dei relatori, ma anche per comprendere meglio le sfaccettature di una società che fa molte parole ma ancora, forse, pochi fatti, a favore del genere femminile, che è tuttavia asse portante della società. L’Udi in Valpolcevera è rappresentata dal circolo ‘Margherita Ferro’, intitolato a quest’attivista Udi che ha vissuto a Rivarolo battendosi per realizzare asili nido, scuole dell'infanzia, e affermazione della donna nella società; la sede si trova a Certosa in via Piccone.

Dino Frambati

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium