Municipio Centro Ovest | 27 ottobre 2021, 12:30

Via Ardoino e via dei Landi tra timori di smottamento, scolmatore tombato e reti di cantiere presenti da due anni

Il cantiere per la ferrovia impatta con la zona alta di Sampierdarena e, secondo i consiglieri Pd del Centro Ovest, crea una serie di pericoli; e chiedono spiegazioni all’amministrazione comunale

Via Ardoino e via dei Landi tra timori di smottamento, scolmatore tombato e reti di cantiere presenti da due anni

Via Ardoino e via Dei Landi, nella parte alta di Sampierdarena, hanno punti a rischio e problemi che possono essere ricondotti al cantiere per la ferrovia Campasso Santa Limbania. Lo sostengono i consiglieri sotto il simbolo del Pd nel Municipio Centro Ovest, che lanciano un preoccupato allarme sulla situazione dopo aver eseguito una visita alla zona interessata dalla nuova linea ferroviaria merci da Fegino al porto di Sampierdarena, passando per Certosa, Campasso e appunto le due strade Landi e Ardoino, interessando pure via Sasso.

“I problemi ce li hanno segnalati i cittadini, che li hanno documentati con foto”, informano Fabrizio Maranini, Amedeo Lucia, Piergiorgio Abrile, Sergio Ghirardi, Stefania Mazzucchelli e Domenico Morabito, che siedono in Sala Baldini per il Partito Democratico, e che sottolineano come si tratti anche di questioni di non poco conto.

I punti dolenti, secondo il Pd di Sampierdarena, partono con un probabile distacco sotto il muro di sostegno della collina ai piedi del civico 9 di via Ardoino, sopra il cantiere Rfi e che i consiglieri invitano a tenere sotto grande attenzione. Quindi esortano a controllare, secondo problema serio, il tombamento dello scolmatore di acque piovane miste a un’ipotizzata fognatura che attraversa la base stessa del tracciato ferroviario. Situazione per cui acque nere e miste confluiscono in quello che viene definito “sorta di cunicolo oggi nascosto da grandi paratie pubblicitarie”.

Ed inoltre pure le reti di cantiere danno problemi. “Dovrebbero essere solo temporanee - scrivono gli esponenti Pd in un’interpellanza al sindaco nella quale chiedono spiegazioni e interventi su tutti i quesiti posti - mentre sono presenti da addirittura circa due anni, risultando ad oggi mal posizionate e mettendo così a rischio l’incolumità del pedone fruitore del marciapiede”.

“Probabilmente - indica l’interpellanza - andrebbero sostituite con adeguate protezioni idonee e permanenti”. Da tutto ciò deriva l’essenza dell’iniziativa politica dei Dem sampierdarenesi e la richiesta al primo cittadino “di conoscere la situazione geologica in tutto il tratto di collina dei palazzi di via Ardoino conseguente alla posa da parte di Rfi delle barriere antirumore e delle pareti di contenimento della collina. E di essere informati sull’attuale situazione fognaria e di raccolta delle acque piovane del bacino idrico compreso nel tratto dei palazzi di via Ardoino che affacciano sul cantiere ferroviario, con la mappatura dello scolmatore ed eventuali lavori che siano stati permessi dagli uffici comunali preposti a tali verifiche”.

Infine la richiesta di essere informati della situazione amministrativa, “con date e tempi massimi, previsti dalla norma vigente, relativa ai permessi sulla posa delle transenne, in particolare quelle poste davanti al civico 9 di via Ardoino e oggi in evidente stato precario”.

Dino Frambati

Leggi tutte le notizie di A CASA CON L'ARCHITETTO ›

A casa con l'Architetto

Giulia Grillo, architetto esperto in interior design, ci accompagna in questa rubrica all'interno delle case, raccontando le richieste e le scelte dei clienti.
Forte della sua esperienza, che coniuga il mondo dell'arte a quello degli interni, raccoglierà le impressioni sulle ultime tendenze nel mondo dell'architettura, dell'arredamento e del design.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium