/ Politica

Politica | 03 dicembre 2021, 14:17

Florovivaismo, si punta sull’innovazione: 6 aziende ingaune testano 6mila vasi biodegradabili e compostabili sul rosmarino

Stafano Mai (Lega): “Il progetto è finanziato con il Psr, con l’obiettivo di provare a posizionarsi sui mercati con un prodotto più accattivante e rispettoso dell'ambiente”

Florovivaismo, si punta sull’innovazione: 6 aziende ingaune testano 6mila vasi biodegradabili e compostabili sul rosmarino

 

Sei aziende ingaune testano ciascuna mille vasi biodegrabili e compostabili sul rosmarino a seguito del progetto ‘Filiera 4.0’ che avevo presentato nel settembre 2020 dopo avere costruito un partenariato con Liguria Digitale, cooperativa l'Ortofrutticola di Albenga e Cersaa. Un progetto che ho voluto fortemente per valorizzare il comparto florovivaistico, che per la Liguria significa circa l’ottanta per cento del Pil agricolo, attraverso nuove tecnologie e strategie di marketing, e che ha ottenuto il finanziamento sulla misura 16.2 del Psr. Provando a lavorare in un'ottica più sostenibile, oggi si cominciano quindi a testare i primi ‘vasi bio’ sul rosmarino”. Così il capogruppo regionale Stefano Mai (Lega), che prosegue: “L'obiettivo è provare a posizionarsi sui mercati con un prodotto più accattivante e rispettoso dell'ambiente, presentandolo magari in anteprima nelle prossime fiere internazionali. Il prossimo passo è l'individuazione di un marchio che possa essere promosso almeno nel Nord Europa e consenta al consumatore di individuare velocemente il prodotto ligure, attraverso l'etichetta e la tracciabilità contenuta in essa”.

Al convegno organizzato ieri ad Albenga si è parlato anche di un altro progetto che è stato finanziato con la misura 16.4 del Psr e che ha portato alla sottoscrizione del primo ‘Accordo di filiera’, fondamentale per mantenere economicamente sostenibile, da parte delle aziende, il prezzo delle nostre aromatiche che non possono e non devono essere svendute”, conclude Mai.

 

 

Redazione


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium