/ Attualità

Attualità | 11 gennaio 2022, 13:48

Giornata Nazionale del Dialetto, Boccadasse presente

L’evento si svolge lunedì 17 gennaio e al centro mette le targhe antiche del Borgo. Lo organizza la Pro Loco Maris, grazie alla collaborazione di Franco Bampi dell’associazione A Compagna

Giornata Nazionale del Dialetto, Boccadasse presente

Far conoscere l’antico borgo di Boccadasse. È questo lo scopo per cui l’associazione aderisce alla decima edizione della Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali.

“La nostra Pro Loco partecipa attivamente alla decima edizione della Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali promossa a livello nazionale dall’Unpli Italia - spiega il presidente della Pro Loco Maris Boccadasse, Cesare Pastorino, nell’annuncio dell’iniziativa ai soci e simpatizzanti - che si svolgerà lunedì 17 gennaio”.

In questa data di ogni anno tutte le Pro Loco vengono invitate a inserire nelle loro manifestazioni uno spazio anche piccolo che ricordi l’importanza delle lingue e dei dialetti locali. Durante il mese di gennaio, ma ormai anche durante tutto l’anno, si susseguono eventi in centinaia di località italiane che aderiscono all’iniziativa. La prima edizione si è svolta a gennaio 2013.

‘Boccadasse antica’: è questo il nome scelto dall’associazione boccadassina per l’evento. “Dopo un’accurata ricerca sulle antiche dominazioni delle strade, piazze, scalinate e zone dell’antico borgo di Boccadasse, abbiamo realizzato una scheda comparativa tra l’attuale toponomastica e l’antica - prosegue Pastorino - Per l’esatta traduzione genovese abbiamo richiesto e ottenuto la collaborazione del professor Franco Bampi, attuale presidente del associazione genovese ‘A Compagna’”.

È l’associazione dei genovesi amanti di Genova e della loro antica terra, gelosi delle antiche glorie, delle bellezze, delle tradizioni, della lingua e dei costumi della loro gente, al di fuori e al di sopra di ogni fede politica e religiosa. A Compagna è stata fondata il 21 gennaio 1923, iscritta al Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato, Settore culturale.

L’associazione genovese ha dato vita a moltissime iniziative; è stata ed è presente nei momenti più importanti della vita cittadina. Dopo oltre 127 anni delibera di ripristinare una delle cerimonie più importanti dell’antica Repubblica: la consegna de ‘O Confeugo’ al primo cittadino di Genova. Dal 1951, la cerimonia continua di anno in anno.

Nella scheda della Pro Loco che è stata inviata in Comune ci sono ben 18 nominativi che vorrebbero diventare targhe. Si va da via Boccadasse-angolo via Beretta; il controviale via Boccadasse che diventa per esempio ‘a Creuza’; gli ex lavatoi: I Tréuggi’; l’archivolto, ‘O Portelìn’; via della Casa; sino a via della casa-via capo Santa Chiara; piazza Nettuno; via Aurora; il belvedere Edoardo Firpo; piazza Enrico Bassano; via capo Santa Chiara inferiore; via capo Santa Chiara; (anche al mare e belvedere); via della Scalinata.

Un lavoro certosino compiuto da esperti, frutto di passione, impegno, amore per la propria tradizione e storia, che si auspica riconosciuto. “Invieremo il nostro lavoro con richiesta di fare installare le targhe antiche”. Pastorino sottolinea appunto che l’antica toponomastica del Borgo di Boccadasse è un importante patrimonio culturale “che vogliamo valorizzare e non vogliamo sia disperso. Invieremo, quindi la nostra richiesta all’assessore alla Cultura del Comune di Genova Barbara Grosso, perché siano realizzate e installate le Targhe Antiche a fianco dell’attuale toponomastica. Questa iniziativa vuole essere un concreto contributo della Pro Loco alla conoscenza dell’Antico Borgo di Boccadasse”.

 

Rosa Cappato

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium