Attualità | 12 febbraio 2022, 15:30

La Liguria e la difesa militare sulle coste tra l’Ottocento e il Novecento

Prima dei conflitti mondiali, la Liguria era già terra di difesa e fu armata a dovere. La collocazione geograficamente esposta non ha mai dato tregua alle coste liguri, costrette ad evolversi rapidamente per difendersi al meglio

La batteria di San Benigno sotto la Lanterna di Genova, durante un'esercitazione di inizio '900

La batteria di San Benigno sotto la Lanterna di Genova, durante un'esercitazione di inizio '900

Prima dei conflitti mondiali, la Liguria era già terra di difesa e fu armata a dovere. La collocazione geograficamente esposta non ha mai dato tregua alle coste liguri, costrette ad evolversi rapidamente per difendersi al meglio.

Tra il 1871 e il 1880 l’Italia stanziò 66,6 milioni di lire per le fortificazioni del paese e più di 31 milioni per gli armamenti, una cifra totale che paragonata ad oggi potrebbe essere espressa in oltre 400 milioni di euro. 

Le Alpi Occidentali erano uno degli obiettivi principali dei lavori di fortificazione, assieme alle piazze marittime di Genova e La Spezia. Nel 1882 fu stipulata la Triplice Alleanza, con Germania e Austria-Ungheria, che consentì all'Italia di sospendere i costosi lavori di fortificazione della costa Adriatica e di risparmiare ingenti somme utili a fortificare la costa ligure.


Il pericolo più consistente erano i possibili attacchi da parte francese alle coste della regione Liguria, per cui furono progettati nuovi sbarramenti lungo i passi di collegamento tra la Liguria e la Pianura padana per evitare la minaccia di aggiramento. Inoltre, il progresso tecnologico di fine Ottocento portò alla realizzazione di grandi batterie costiere che però essendo fuori terra, rimanevano comunque esposte pericolosamente. 


A Genova vennero invece approntate undici batterie a difesa del fronte marittimo, la principale costruita alla base della Lanterna armata con pezzi da 320 mm.

A La Spezia, la "Torre Umberto I" segnò un nuovo progresso, con cupola corazzata e armamenti più evoluti. Il progetto dovette però scontrarsi con le difficoltà economiche nazionali, così il prototipo non ebbe seguito e si andò verso l'adozione di nuovi pezzi a tiro curvo, con una portata di tiro di otto chilometri. 

La piazza di La Spezia, il principale arsenale marittimo italiano, fu munito di circa 30 opere armate con più di 300 cannoni, 170 dei quali con funzioni antinave, 100 per la difesa del fronte terrestre e 30 con doppio compito. 


Il golfo della Spezia fin dai primi anni dell'Ottocento, grazie alla sua conformazione geografica, fu utilizzato quale arsenale militare dove forti e postazioni di artiglieria create durante gli anni sopravvissero fino all'inizio del conflitto mondiale, quando le necessità di protezione di uno dei maggiori arsenali del Regno d'Italia, fece sì che molte opere furono riarmate e altre costruite ex novo.

I conflitti mondiali costrinsero la nazione ad attuare altre modifiche e a rivedere i piani.

E’ possibile seguire l’autore di questa rubrica sui social network per scoprire i nuovi progetti letterari e audiovisivi legati alla valorizzazione del territorio Ligure:

Instagram- dario111982 Facebook- dario rigliaco autore


Da segnalare inoltre, dello stesso autore di questa rubrica, disponibili su Amazon: “Case infestate e Ponti del Diavolo” e “Streghe, Diavoli e altre leggende italiane”.

Tante curiosità da scoprire su “Il medioevo in 333 risposte”, oppure le saghe celtiche e arturiane in: “Bretagna, miti misteri e leggende”, “Miti&Misteri della Liguria”, “Fiabe Liguri”, “Liguria da scoprire” o ancora “borghi imperdibili della Liguria”. 

Se sei a conoscenza di una leggenda o una storia da raccontare legata alla Liguria, e vuoi farla conoscere, oppure sei stato protagonista di fatto misterioso, puoi scrivere all’autore che la prenderà in considerazione: dariorigliaco@gmail.com.

Dario Rigliaco

Leggi tutte le notizie di LIGURIA: STORIA, LEGGENDA E ATTUALITÀ ›

Liguria: storia, leggenda e attualità

Presidente e Co-fondatore dell'associazione D&E Animation Genova, Dario Rigliaco conosciuto anche con il nome di “Dario il leggendario” per il suo personaggio legato alla sua passione per i miti, i misteri e le leggende. 

Il personaggio nasce televisivamente durante una stagione di lavoro a Mediaset, grazie a una rubrica di Luca Galtieri a “Striscia la notizia” che esalta goliardicamente le leggende popolari italiane. 

Dario Rigliaco “il leggendario”, ne scrive i servizi, gestisce la regia e interviene con aneddoti misteriosi. 

Dario è un autore e sceneggiatore pluripremiato che scrive molto sulla sua amata Liguria, dove con “Miti&Misteri della Liguria” vince un premio letterario internazionale. 

Tra le sue opere:

  • Oltre 18 premi internazionali legati al cinema e alla letteratura negli ultimi 2 anni;
  • Oltre 20 opere letterarie editate;
  • Oltre 250 copioni per teatri e piazze, scritti in 10 anni di attività.

Tra i progetti di successo, il cortometraggio “30’to Hell” girato in Val Bormida e diretto insieme a Gianluca Messina è stato premiato anche a Londra, New York e Las Vegas, mentre con la sceneggiatura inedita "Refuge" insegue il decimo premio internazionale.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium