/ Politica

Politica | 23 maggio 2022, 17:20

Trent'anni fa la strage di Capaci, Centi: "C'è uno stato parallelo che lavora nell'ombra, ma noi sappiamo e lavoriamo"

Il presidente della Commissione Antimafia Ligure è intervenuto con un messaggio in memoria di Giovanni Falcone, della moglie e degli uomini della scorta.

Trent'anni fa la strage di Capaci, Centi: "C'è uno stato parallelo che lavora nell'ombra, ma noi sappiamo e lavoriamo"

A trent’anni esatti dalla strage di Capaci il presidente della commissione Antimafia ligure, il consigliere regionale Roberto Centi, interviene con un messaggio in memoria di Giovanni Falcone, della moglie e degli uomini della scorta. 
“Nella strage di Capaci morirono il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. 
Sono passati trent’anni esatti – scrive Centi – e nel frattempo ho conosciuto personalmente, nel mio ruolo di presidente della commissione Antimafia ligure, un sopravvissuto, parenti, esperti della tecnica di strage, magistrati e testimoni diretti di quegli anni in Sicilia e non solo. 
Tutti dicono la stessa cosa: in Italia coesistevano e coesistono due Stati: uno di servitori che ne tutelano regole e futuro, uno di traditori che tramano, depistano e sono complici di morte. 
Ci sono stati pezzi dello Stato che hanno lasciato soli Falcone e Borsellino, e che li hanno accompagnati alla morte. 
E ci sono state figure che li hanno isolati anche dal vivere quotidiano, e di fatto li hanno indeboliti: da giornalisti a pseudo intellettuali polemisti, da politici, a funzionari, persino a vicini di casa che scrivevano lettere al Giornale di Sicilia perché erano disturbati, poverini, dal rumore che facevano le scorte quando accompagnavano a casa i due magistrati. 
Queste cose allora le intuivo, ora le so. 
E questo Stato parallelo potrebbe essere ancora lì, a lavorare nell’ombra, a evitare che si sappia o che si faccia. 
Ma noi sappiamo e lavoriamo”.

Redazione


SPECIALE ELEZIONI 2022 - GENOVA
Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova in vista delle elezioni 2022 e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium