/ Politica

Politica | 24 giugno 2022, 16:11

Federico Romeo e Michele Colnaghi: i presidenti di Municipio che resistono all’“Onda Blu” di Bucci

L’esponente del Partito Democratico avrà in Valpolcevera una maggioranza solida e sicura, mentre il rappresentante del Movimento 5 Stelle nel Centro Ovest perde buona parte della pattuglia grillina

Federico Romeo e Michele Colnaghi: i presidenti di Municipio che resistono all’“Onda Blu” di Bucci

Vince facile in Valpolcevera la nuova Giunta Romeo, che succede alla stessa e pianta la bandiera Pd, unica tra i Municipi genovesi, nella vallata. Merito del giovane Federico, che ha portato a casa un 15 a 10 sul centrodestra e sul suo antagonista Fabrizio Belotti. Quattro le formazioni della coalizione vincente il 12 giugno scorso, con il Pd che conta 8 consiglieri, cui va aggiunto il presidente Romeo, mentre può invece contare su un grillino, un sansiano e tre della lista dello stesso Romeo.

Fatto politicamente rilevante perché unica lista di un presidente municipale e che indica come le persone, nelle tornate amministrative, contino. Perché Romeo ha vinto in una zona dove, per il Comune, ha vinto invece Bucci. Quindi, anche se nulla in politica è scontato, la vittoria in questo caso è targata soprattutto Romeo. Certamente la tradizione politica di sinistra della vallata non può essere dimenticata, ma il fatto che il primo cittadino di Genova, passato e presente, abbia avuto tanti consensi, avrebbe potuto ribaltare la situazione. E questo non è avvenuto. Inoltre, in teoria, Federico Romeo con la sua lista e il suo partito (Pd), nella zona, potrebbero governare da soli, anche se l’appoggio del Movimento 5 Stelle e Lista Sansa appare scontato e difficilmente scalfibile. Avrebbero infatti i numeri. Nella minoranza, oltre al candidato del centro destra Belotti, spicca il nome del leghista Alessio Bevilacqua, confermato nel parlamentino della vallata e che ha fatto opposizione molto attiva e determinata a Romeo anche nella scorsa legislatura.

Anche in Centro Ovest la bilancia della maggioranza pende sul centrosinistra, formando una striscia di terra diversa dal resto della città quanto a colore politico, che inizia a Sampierdarena e finisce a Bolzaneto e Pontedecimo.

Colnaghi, che resta contiano, perde parecchi consiglieri grillini che aveva invece la scorsa legislatura e che, in questa, saranno soltanto un paio, ma può contare su una maggioranza abbastanza granitica e che difficilmente lo abbandonerà. Perno di questa nella delegazione storicamente di sinistra, è il Pd, che porta in Sala Baldini otto consiglieri, oltre la metà dei 15 che formano la maggioranza. Confermata tra questi, Stefania Mazzucchelli, vice presidente del parlamentino nella scorsa legislatura e stimata bipartisan per la sua attività e moderazione, mentre torna nel governo sampierdarenese Domenico Minniti, storico ed attivo presidente in passato. Insegnante, autore di testi teatrali, ha raccolto molti consensi durante la sua presidenza nella quale con il capo dell’opposizione di centro destra, leghista e poi forzista, Fabio Costa, diede molto lavoro ai media perché i due, avversari fieramente in politica ma a livello personale in ottimi rapporti e quasi amici, costituirono una coppia tipo Peppone e Don Camillo. Sotto il segno del Pd altri due storici dem, Sergio Ghirardi e Amedeo Lucia, che stanno dedicando una vita per partito e politica. Completano la maggioranza una di Sansa e uno della Sinistra Italiana, due per la Lista Dello Strologo. In centrodestra spicca, oltre a Fabrizio Radi candidato alla presidenza, la totiana Lucia Gaglianese, super votata. Due i Fratelli d’Italia, tre di Vince Genova, due i leghisti a chiudere anche nel Centro Ovest un 15 a 10 per la maggioranza.

Dino Frambati


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium