Attualità - 24 giugno 2022, 15:17

Riqualificare spazi urbani e vite umane: la bellissima esperienza della Giostra della Fantasia a Pra’

La Cooperativa presenta mercoledì prossimo i risultati finali del progetto ‘Artetra’, che ha interessato il Quartiere di San Pietro e che ha visto protagonisti giovani che temporaneamente non studiano e non lavorano o che stanno attraversando un periodo di incertezza riguardo al loro futuro

Riqualificare spazi urbani e vite umane: la bellissima esperienza della Giostra della Fantasia a Pra’

Il colore come rigenerazione urbana e anche come riscatto personale. Il colore per dare una risposta seria, concreta, energica alle difficoltà della vita. Con questi presupposti, qualche mese fa, è stato lanciato, presso il Quartiere San Pietro di Pra’ (le cosiddette ‘Lavatrici’, anche se i residenti malsopportano questo nome, e ben a ragione), l’interessante progetto ‘Artetra’, cofinanziato dall’Unione Europea (Programma Operativo Asse 2 - Inclusione sociale e lotta alla povertà - Abilità al Plurale 2 - Regione Liguria 2014-2020) e realizzato dalla Cooperativa sociale La Giostra della Fantasia in partenariato con l’Associazione LinkinArt, Fondazione Luzzati - Teatro della Tosse Onlus e Arcos - Agenzia di Ricerca e Comunicazione sociale.

Per diverse settimane, un team di ragazze e ragazzi tra i 16 e 25 anni hanno animato il quartiere e lavorato per portare nuova bellezza negli spazi comuni tra gli edifici. L’iniziativa ha coinvolto giovani che temporaneamente non studiano e non lavorano o che stanno attraversando un periodo di incertezza riguardo al loro futuro.

Le produzioni dei laboratori di riqualificazione attuati negli ambienti urbani saranno presentati nel corso della tradizionale festa di inizio estate che si realizza grazie all’impegno delle associazioni di cittadini che operano nel quartiere: l’appuntamento è mercoledì 29 giugno, dalle 16,30 in poi, al Quartiere San Pietro, in collaborazione con il Comitato San Pietro e con il Comitato Lavatrici Pegli 3. Una passeggiata di quartiere guiderà i visitatori a conoscere le produzioni dei laboratori del progetto ‘Artetra’. L’appuntamento prevede: saluti istituzionali e presentazione del progetto realizzato a cura dei responsabili degli enti coinvolti, con visita agli interventi realizzati con la guida dei protagonisti; esibizione dei ragazzi del laboratorio di teatro-musica; presentazione di un video-racconto del progetto; rinfresco offerto dai comitati di quartiere.

“‘Artetra’ - afferma Chiara Calcagno, responsabile dell’area espressiva della Cooperativa La Giostra della Fantasia - è un’importante occasione per dare a ragazze e ragazzi la possibilità di essere protagonisti di un progetto che coniuga creatività e cittadinanza attiva. Durante le fasi operative sul campo ma anche nei momenti di progettazione e organizzazione, i giovani hanno maturato maggiore consapevolezza delle proprie capacità, hanno acquisito competenze tecniche, artistiche e relazionali, hanno operato fianco a fianco con chi della propria passione ha fatto un mestiere. È un prezioso percorso di condivisione e di crescita personale”.

Ed Emanuela Caronti, responsabile di Linkinart, aggiunge: “Lavorare in questo quartiere è sempre stimolante, per noi e per i ragazzi: abbiamo parlato con gli abitanti, cercando di cogliere e capire com’è vivere qui, immedesimandoci. A partire da questo lavoro preliminare, abbiamo sviluppato diverse idee progettuali, in collaborazione con gli artisti, per arrivare a ciò che insieme abbiamo realizzato. Ogni volta ci stupiamo della sensibilità dei ragazzi che riescono sempre a cogliere l’essenza vera dei luoghi in cui operiamo”.

Gli interventi di arte pubblica sono in continuità con quanto realizzato nel 2018 nell’ambito del progetto ‘Lavatart’ che ha contribuito a ridare colore alla piazza centrale del quartiere e a riqualificare le aree verdi lungo i viali che attraversano il grande complesso di edilizia residenziale pubblica.

Il laboratorio di giardinaggio artistico ‘Trame’ ha ripreso il lavoro avviato nel 2018 e realizzato grandi aiuole fiorite in legno, mosaici di rissêu (la tradizionale tecnica musiva con ciottoli bianchi e neri tipica della Liguria), installazioni artistiche ispirate al tema del mare, che qui, grazie allo splendido panorama, è parte integrante del paesaggio. La guida del laboratorio per la parte tecnico-artistica è stata affidata a Gabriele Gelatti, maestro nella produzione e restauro di mosaici di ciottoli, e all’artista Natalia Serrano. Gli interventi sul verde si intrecciano con la produzione dei rissêu e di sculture polimateriche, anche con materiale di recupero, e insieme concorrono a comporre un’unica trama.

Il laboratorio di arte pubblica ‘Discovery and Making’ ha visto invece l’intervento di artisti che hanno lavorato con i ragazzi in alcuni punti strategici del quartiere. Con Carlos Lalvay Estrada è stata creata un’opera muraria che identifica l’ingresso del centro civico, hub di partecipazione del quartiere. Con il collettivo Guerrilla Spam ha trovato spazio l’illustrazione di un giardino collettivo ispirato alle ‘Mappe Mundi’ medievali in cui gli elementi naturali si muovono seguendo le geometrie dell’architettura del luogo. Infine, con l’associazione trentina Camposaz, specializzata in autocostruzione in legno, è stato realizzato il Lido San Pietro, all’interno della piazza principale, un punto di sosta e incontro, attrezzato con sedute e aiuole, da cui si gode una vista spettacolare sul litorale.

La festa del 29 giugno ospiterà anche l’esibizione dei giovani che frequentano il laboratorio di musica-teatro ‘Poeti contro cantautori’ e che hanno scritto una canzone dedicata a Genova, ispirandosi a una poesia di Giorgio Caproni. Il laboratorio di teatro, dopo la pausa estiva, riprenderà a settembre e proseguirà fino a dicembre, quando verrà presentato lo spettacolo conclusivo frutto del lavoro corale di tutti i partecipanti. I giovani frequentatori dei laboratori hanno anche l’opportunità di seguire un percorso di orientamento alla formazione e al lavoro funzionale a ripensare il proprio progetto di vita.

Si riqualifica un quartiere e si ‘riqualificano’ delle anime: non c’è niente di più bello e appagante. La Cooperativa La Giostra della Fantasia, come sempre, sa cogliere pienamente nel segno.

 

Alberto Bruzzone

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

SU