/ Sport

Sport | 21 gennaio 2023, 16:17

Il Genoa rompe la maledizione in casa della Strega: Puscas nel finale beffa il Benevento, finisce 2-1

I rossoblù riescono a portare via punti dal Vigorito dopo due sconfitte in terra sannita. Dopo la rete di Coda e il pari di Tello, decisiva la testata dell'attaccante romeno in piena zona Cesarini

Il match winner del Vigorito, George Puscas (foto di Gabriele Siri)

Il match winner del Vigorito, George Puscas (foto di Gabriele Siri)

Se essere duttili nel mettere in pratica la propria idea di gioco al di là degli schemi numerici e saper leggere le partite in corso mantenendo la calma effettuando i cambi giusti sono doti fondamentali per un allenatore di qualità, il Genoa sembra aver trovato la sua fortuna.

Ancora una volta la zona Cesarini sorride al Grifone, anche sul sempre temibile campo di Benevento. Ancora una volta la panchina risulta decisiva nel portare via tre punti parsi a tratti ormai insperati. Stavolta, nonostante il secondo gol consecutivo valevole il vantaggio al quarto d'ora di gioco dell'ex Coda, è un'altra vecchia conoscenza della Strega (nei due precedenti al Vigorito sempre vincente col Grifone) stavolta a siglare la vittoria, George Puscas.

Decisivi i cambi, ancora una volta, ma non solo. Il tecnico sceglie dall'inizio Ilsanker per portare nel pacchetto arretrato quell'esperienza mancante con l'assenza per squalifica di Bani e Gudmundsson arretrato in posizione di mezzala per dare vivacità al centrocampo coi suoi inserimenti, senza ma soprattutto con la palla. Mosse che sorprendono da subito una retroguardia rimaneggiata come quella dei sanniti e regalare già dopo un terzo di prima frazione un "cioccolatino" che Coda trasforma in oro da Re Mida dall'area qual era stato negli ultimi due campionati (15').

Meno convinto invece Aramu stoppato prima da Paleari (9') e poi da Cappellini (18'), ma comunque la sua ritrovata vitalità è sintomo di un attacco rinato sotto la gestione Gilardino. Proprio tanto quanto la buona prova dell'islandese, fresco di elezione da parte dei tifosi a giocatore del mese di dicembre, che oltre all'assist nella prima frazione si "regala" la delusione del palo interno (30').

Una superiorità tattica poco concretizzata che lascia vivo un Benevento orfano praticamente dell'intera difesa titolare e poco pericoloso nel primo tempo, capace di provare a pungere con occasioni quasi più di nervi e spunti personali come coi due destri fuori misura dai venti metri dell'esterno El Kaouakibi (19' e 36') ma soprattutto con le incursioni di Karic (41') e Forte (43'), entrambi stoppati dai difensori genoani. Un'improduttività che spinge Cannavaro a mandare nella mischia a inizio ripresa subito Simy, affianco a Forte, e Tello.

Cambi che scuotono l'andamento del match e proprio lo scuola Juve trova la via del pareggio (58') per una formazione sannita che cresce soprattutto grazie alla lettura della gara da parte di Cannavaro, il quale in un secondo tempo comunque povero di vere e proprie occasioni nitide da ambo le parti torna anche a contare sul supporto dei suoi tifosi, in sciopero nella prima metà. Da parte sua il Genoa perde incisività davanti, Gilardino opta per rivoluzionare tutto il reparto offensivo e i frutti arrivano nel finale.

Le maggiori occasioni nascono da mischia, sia per i padroni di casa con Simy (70') sia per gli ospiti che non riescono a concludere (87') e da colpi di testa, come quello che alla fine manda in paradiso il Grifone staccando le inseguitrici ma soprattutto continuando a tenere il ritmo della Reggina, in attesa del posticipo in cui sarà coinvolto il Frosinone.

IL TABELLINO

BENVENTO-GENOA 1-2
Reti: 15' Coda (G), 58' Tello (B), 94' Puscas

BENEVENTO (3-4-2-1): Paleari; Pastina, Cappellini, Veseli; El Kaouakibi, Karic (46' Tello), Schiattarella (69' Viviani), Improta; Ciano (46' Simy), Acampora; Forte (78' La Gumina).
A disposizione: Manfredini; Kubica, Farias, Thiam, Basit, Perlingieri, Veltri, Koutsoupias. 
Allenatore: F. Cannavaro

GENOA (3-5-2): Martinez; Ilsanker, Vogliacco (79' Matturro), Dragusin; Sabelli, Frendrup, Badelj (64' Strootman), Gudmundsson (64' Sturaro), Criscito; Aramu (79' Yalcin), Coda (70' Puscas).
A disposizione: Semper; Czyborra, Lipani, Hefti, Jagiello, Boci, Galdames.
Allenatore: A. Gilardino

Arbitro: Serra di Torino

Mattia Pastorino


Sei un tifoso? Ti occupi di un club di tifosi? Sei un appassionato di calcio?
Contattaci: daremo spazio ai tuoi pareri, umori e commenti sul Genoa. Scrivi a redazione@lavocedigenova.it

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium