/ Politica

Politica | 25 gennaio 2023, 10:32

Professoressa impallinata in classe, Riolfo e Brunetto (Lega): "Impossibile giustificare. Insegnanti vanno tutelati"

Gli esponenti del Carroccio condannano le dichiarazioni della nota comica Luciana Littizzetto

Professoressa impallinata in classe, Riolfo e Brunetto (Lega): "Impossibile giustificare. Insegnanti vanno tutelati"

"Le dichiarazioni di Luciana Littizzetto sulla professoressa dell’Itis Viola-Marchesini di Rovigo, colpita da alcuni ragazzi che le hanno sparato dei pallini con una pistola ad aria compressa, vanno assolutamente condannate". 

Lo dichiarano i Consiglieri regionali della Lega Mabel Riolfo e Brunello Brunetto. 

"La comica, durante un suo monologo ha dichiarato: 'Se il professore riesce ad essere empatico, non gli sparano in classe'. Tale affermazione non può avere attenuanti e deve essere condannata in modo inequivocabile. Ormai stiamo assistendo a un’inversione dei ruoli e gli insegnanti devono essere tutelati per poter espletare la loro funzione educativa". 

"Invece spesso, a causa di comportamenti come questo, non riescono a svolgere il proprio lavoro. Nell’Ordine del giorno che abbiamo depositato chiediamo che anche i vertici della Rai condannino le affermazioni della Litizzetto, noto personaggio della tv pubblica e lautamente retribuita dai contribuenti italiani, perché in questo caso ha dato un cattivo esempio a tutto il Paese", concludono. 

Comunicato stampa


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium