/ Politica

Politica | 19 giugno 2023, 12:40

Eventi alluvionali, Arboscello (Pd): "Fasce di rischio, contrario alla modifica proposta da Toti"

"Prima è necessario riaggiornare i piani di bacino e le carte delle fasce idrauliche basandosi sui livelli di pioggia attuali"

Eventi alluvionali, Arboscello (Pd): "Fasce di rischio, contrario alla modifica proposta da Toti"

"Lo schema di regolamento recante 'Disposizioni concernenti l’attuazione dei Piani di bacino distrettuali, anche stralcio, per le aree a pericolosità da alluvione fluviale e costiera', deliberato dalla Giunta Toti lo scorso 11 maggio e che nei prossimi giorni sarà in discussione in Commissione e in Consiglio regionale, va respinto con forza". Così il consigliere regionale Roberto Arboscello (Partito Democratico).

"L’impianto normativo divide il territorio ligure in tre fasce di zone di rischio la P3 (alto) P2 (medio) P1 (normale), introducendo delle sottocategorie in modo tale che, se passasse quanto deliberato, diventerebbe possibile, a determinate condizioni, costruire case, capannoni e manufatti anche in aree fluviali e limitrofe ad alto rischio - prosegue Arboscello - Una situazione che esporrebbe ad un rischio inaccettabile persone, abitazioni e intere comunità e centri abitati della nostra regione. Ma soprattutto, ancora una volta siamo di fronte ad un’azione amministrativa di estrema superficialità. Prima di andare a modificare un impianto di legge è necessario e inderogabile riaggiornare le carte delle fasce idrauliche, con la perimetrazione del reale ed oggettivo pericolo, eseguendo nuovi calcoli, basandosi sui livelli di pioggia attuali, consistentemente differenti da quelli di oltre vent’anni fa, quando sono stati pensati gli attuali Piani di Bacino".

"La Liguria è tra le prime regioni in Italia per consumo del suolo e per numero di abitanti residenti in aree di pericolo esondazione, basta osservare i dati pubblicati da ISPRA. È innegabile che, dopo  quanto successo con gli eventi alluvionali che hanno colpito l’Emilia-Romagna,  la preoccupazione sia aumentata: a tutti sono tornate alla mente le immagini dell’ esondazione del Bisagno, del Magra e del Centa, solo per citarne alcune negli anni nel nostro territorio.  Declassificare le fasce idrauliche 'su carta' e sottostimare i rischi è un’azione estremamente pericolosa, considerando in particolare che Piani di Bacino vigenti in tutta la Liguria hanno visto la loro genesi intono al 2003, con studi geomorfologici ed idraulici che risalgono addirittura alla fine degli anni novanta del secolo scorso" conclude infine il consigliere regionale dem.

Comunicato Stampa


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium