Municipio Media Valbisagno - 06 aprile 2021, 15:30

Pista ciclabile e spazio da vivere: la nuova vita del Bisagno nella tesi di un’architetta genovese

Un progetto di River Restoration che guarda a modelli europei e americani. Una riqualificazione leggera e flessibile che asseconda le stagioni e le piene del fiume. Nello studio coinvolti anche Gli Amici di Pontecarrega

Pista ciclabile e spazio da vivere: la nuova vita del Bisagno nella tesi di un’architetta genovese

Riqualificare la Valbisagno a partire dal suo fiume. Una tesi ritorna con idee e progetti su quanto quel fiume, spesso nemico per le sue esondazioni, possa invece rappresentare, insieme alla vallata che lo circonda, una risorsa: “Il territorio ideale per sperimentare la smart city del domani di cui si parla tanto”.

A dirlo senza esitazioni è Francesca Viani, studentessa di architettura, 22 anni, che ha fatto una tesi di laurea triennale a Genova sulla riqualificazione dei fiumi a partire dalla comunità che li circonda e infatti oltre al Bisagno i protagonisti di questo lavoro sono gli Amici di Pontecarrega, da sempre attivi per il riscatto della Valbisagno proprio a cominciare da quel corso d’acqua nel quale, guardando oltre, hanno individuato una risorsa.

L’idea di fare una tesi sulla riqualificazione dei fiumi in ambito urbano a Francesca Viani è nata durante il suo Erasmus a Madrid: “Abitavo vicino al fiume Manzanares, che è stato trasformato in un parco bellissimo con il progetto Madrid Rio: l’autostrada che prima correva sul fiume è stata spostata sottoterra e il letto del corso d’acqua è diventato uno spazio dove le persone vanno in bici, corrono o si fermano a leggere”.

Guardando questo progetto, ha capito che: “Un fiume in città può rappresentare grandi opportunità e diventare uno spazio dove passeggiare, studiare la biodiversità, andare in bici. Vi sono innumerevoli vantaggi se un fiume è usato in modo intelligente e non soffocandolo tra strade o centri commerciali”.

Al ritorno da Madrid ha iniziato a pensare a un progetto di River Restoration su misura per il Bisagno e la Valbisagno, e per farlo si è innanzitutto messa in dialogo con le associazioni che operano sul territorio, perché la sua tesi punta a una riqualificazione che parte dal basso: “L’idea di partire dalle realtà attive sul territorio mi è piaciuta molto e nella ricerca di persone con cui interfacciarmi mi sono imbattuta negli Amici di Pontecarrega che erano l’esempio più vicino a me. Ho partecipato a una giornata di pulizia del fiume, ho iniziato a conoscerli e sono stati molto disponibili. Ho apprezzato il loro modo di agire sul territorio e di coinvolgere le persone, sono riusciti a creare una rete preparata e competente”.

Dopo questo incontro, ha anche studiato altri progetti di rigenerazione dei fiumi bottom up (con movimenti dal basso), li ha comparati, valutati e alla fine ne è venuto fuori un progetto dinamico che asseconda le stagioni e le piene del fiume: “Il primo passo è aumentare i punti di accesso al fiume, poi coinvolgere i bambini in passeggiate botaniche - la flora che cresce sulle sponde è molto interessante - e in estate, quando è asciutto può essere usato come pista ciclabile e questo ridurrebbe notevolmente il traffico su macchina”.

E in inverno? “In inverno l’acqua potrà riprendersi il suo spazio, il progetto infatti non prevede costruzione invasive, si tratta solo di una riqualificazione leggera con infrastrutture flessibili da ripristinare con la bella stagione e togliere con l’arrivo dell’autunno”.

Una riqualificazione che si allarga alla vallata e che secondo la studentessa, che dopo la triennale a Genova sta facendo la magistrale in architettura al Politecnico di Tornino, non passa dallo Skytram né dal filobus o dai bus elettrici, “ma dal tram, che è l’unico mezzo in grado di garantire un collegamento veloce e capace di disincentivare l’uso della macchina, perché nella smart city del futuro le macchine non sono presenti. Purtroppo si sta andando nella direzione sbagliata, invece bisogna puntare su mobilità sostenibile e percorsi verdi”, afferma forte di una tesi che per realizzarla ha guardato a cinque progetti di River Restoration europei e americani, che hanno puntato tutto sulla rigenerazione dei fiumi in ambito urbano per riqualificare un intero territorio.

Rosangela Urso

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU