Sanità - 05 maggio 2021, 20:00

Cts, seconda dose Pfizer e Moderna entro 42 giorni, su Astrazeneca nessuna controindicazione per il richiamo

Queste le novità specificate in una circolare del Ministero della Salute nel quale è stato trasmesso il parere del Cts sull'estensione dell'intervallo tra le due dosi dei vaccini a mRNA

Cts, seconda dose Pfizer e Moderna entro 42 giorni, su Astrazeneca nessuna controindicazione per il richiamo

La somministrazione della seconda dose dei vaccini a Pfizer-BioNtech e Moderna a 42 giorni dalla prima dose e chi ha già fatto la prima dose di Astrazeneca potrà fare la seconda.

Queste le novità specificate in una circolare del Ministero della Salute nel quale è stato trasmesso il parere del Cts sull'estensione dell'intervallo tra le due dosi dei vaccini a mRNA.

"E' stata diramata una raccomandazione del Ministro della Salute a cui abbiamo dato già indicazione alle aziende sanitarie di attenersi con scrupolo, che uniforma i richiami per Pfizer e Moderna al 42esimo giorno che senza produrre effetti tra le persone vaccinate ci consente evidentemente di aumentare le prime dosi perché viene spostato il richiamo di circa una settimana della seconda dose" ha spiegato il presidente della Regione Giovanni Toti.

 

“Sulla scorta di questa considerazione, pur a fronte di studi registrativi che indicano come l’intervallo tra la prima e la seconda dose dei vaccini a RNA (PfizerBioNtech e Moderna) sia di 21 e 28 giorni rispettivamente, è raccomandabile un prolungamento nella somministrazione della seconda dose nella sesta settimana dalla prima dose” viene specificato nella circolare.

Inoltre i soggetti che hanno ricevuto la prima dose del vaccino AstraZeneca senza sviluppare eventi di trombosi rare "non presentano controindicazione per una seconda somministrazione del medesimo tipo di vaccino".

Lo dice il Cts pensando soprattutto agli under 60 che avevano avuto la prima somministrazione prima che quel medicinale fosse consigliato soltanto a chi ha più di 60 anni. E' escluso dal richiamo chi avesse sviluppato problemi di trombosi, comunque molto rari, dopo la prima dose.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU