Attualità - 17 ottobre 2021, 16:20

Muoversi e mangiare bene: compie cinque anni il progetto ‘Corri, mangia, ama’

L’iniziativa è stata lanciata nel 2016 da Renzo Prato, un medico di base che lavora tra Chiavari e San Salvatore dei Fieschi: “Molto spesso le cause di un malessere stanno nella cattiva alimentazione e nella mancanza di movimento”

Muoversi e mangiare bene: compie cinque anni il progetto ‘Corri, mangia, ama’

Già duemila e cinquecento anni fa Ippocrate, che è considerato da sempre il padre della medicina, teorizzò che il benessere fisico e psichico dell’uomo dipendesse da due fattori: una sana alimentazione e il movimento. Sono due concetti fondamentali, ma spesso dimenticati: perché manca il tempo, perché si è presi dalla frenesia della vita quotidiana e dei mille impegni, perché ci si prende troppa poca cura di noi stessi.

Invece è sempre vero che prevenire è meglio che curare e una buona prevenzione la si fa anche con l’attività fisica, come insegna, non solo a livello teorico ma soprattutto a livello pratico, Renzo Prato. Medico di base di lunghissimo corso dal momento che opera da trentacinque anni ha i suoi studi sia a Chiavari che a San Salvatore, è un professionista molto conosciuto e molto stimato in tutto il levante genovese e da cinque anni ha lanciato, per i suoi assistiti ma un po’ per tutti quelli che lo desiderano, il progetto ‘Corri, mangia, ama’, che è una splendida iniziativa di benessere fisico, oltre che di partecipazione collettiva.

Dopo il periodo più nero dell’emergenza sanitaria, ‘Corri, mangia, ama’ ha ripreso con vigore e con vasta partecipazione: “Cinque anni fa - ricorda Prato che oltre ad essere medico di base è anche specializzato in cardiologia - ho frequentato a Milano un bellissimo corso di medicina anti-aging, che mi ha cambiato il modo di pensare. Sono diventato un runner, mi sono messo a fare sport e ho cercato di coinvolgere in tutto questo anche i miei assistiti”. Secondo Prato “la nostra medicina è ottima nella fase emergenziale, ma molto meno nella cura delle cronicità. Voglio dire che ci si focalizza sulla sintomatologia, ma non si vanno mai a vedere le cause. E, molto spesso, le cause di un malessere stanno nella cattiva alimentazione e nella mancanza di movimento”.

Ecco perché Prato ha deciso di puntare con grandissima convinzione su due medicine “di prevenzione e che soprattutto non costano nulla: mangiare sano e muoversi all’aria aperta. Mentre le medicine tradizionali costano, e vanno a curare quel sintomo in quel determinato momento. Non voglio dire che non servono, ci mancherebbe altro: ma che bisogna arrivare a prevenire, quello sì, perché in moltissimi casi lo si può ampiamente fare”. Ecco allora che ‘Corri, mangia, ama’ (che ricorda quel bel film del 2010 con Julia Roberts, ‘Mangia, prega, ama’) è nata come community, anche sui social, dove ci sono oltre settecento iscritti, mentre a partecipare di persona sono all’incirca settanta persone. “Ci vediamo ogni martedì e ogni giovedì alle 19,45 in piazza Mazzini a Chiavari. Da lì partiamo per un bel giro nella nostra città, di corsa o con camminata veloce. Il bello è che tutto avviene sempre in presenza del proprio medico. Io sono quello che dice al paziente che cosa deve fare, ma poi sono anche il primo che lo fa, e questo indubbiamente funziona e rende tutto più credibile. I risultati? Ci sono eccome: le persone stanno meglio fisicamente, imparano a mangiare correttamente, dimagriscono, hanno meno acciacchi, sono anche migliorate come umore”.

Secondo Prato ci sono “due pandemie della nostra epoca, che sono la sedentarietà e il cibo spazzatura: se iniziamo a eliminare quelle, automaticamente potremo stare già meglio”. Il medico dispensa ottimi consigli e altrettanto ottima pratica: ed ecco che ogni partecipante a ‘Corri, mangia, ama’ ha la sua pettorina gialla, indossa scarpe sportive e parte per la sua attività fisica due volte alla settimana, “ma non mancano anche le escursioni nel fine settimana, come quelle sul Monte Penna”. Ci sono anche cene e altri momenti per stare insieme, perché proprio lo stare insieme è pure questo alla base del benessere delle persone.

Tutti aspetti che il lockdown ci ha negato e che stiamo tornando a poco a poco a rivivere. A quei tempi, i runner venivano additati come gli untori. Ora, invece, sono tornati a essere quello che sono: l’immagine di come si possa vivere bene, volersi bene, star bene con se stessi. Ippocrate non si era sbagliato.

Alberto Bruzzone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU