Politica - 16 giugno 2022, 11:30

Federico Romeo, un presidente di popolo. La sua vittoria in Valpolcevera è un’affermazione personale: “Sono stato sempre presente”

Unico esponente democratico a vincere a Genova e restare presidente di Municipio, e con Colnaghi a Sampierdarena, baluardi del centrosinistra nella città che ha virato a destra in tutti gli altri. A lui i complimenti di Toti e Bucci e auguri di buon lavoro, come miglior riconoscimento del risultato elettorale

Federico Romeo, un presidente di popolo. La sua vittoria in Valpolcevera è un’affermazione personale: “Sono stato sempre presente”

Una vittoria personale, tanto più importante e orgogliosa, in quanto Federico Romeo vanta il record di essere l’unico presidente di Municipio sotto il vessillo Pd in tutta la città dove, fino a qualche anno fa, la sinistra era dominante in quasi tutti i quartieri passati in blocco al centrodestra il 12 giugno. E che il merito vada oltre ogni simbolo e bandiera e venga riconosciuto se uno è davvero competente e appassionato come Romeo, lo dice il fatto che si sono congratulati con lui Bucci e Toti e gli hanno augurato buon lavoro. Gesto si signorilità politica ma soprattutto indicazione di come siano le persone a fare i partiti e non viceversa. E Romeo sia stato un buon presidente.

Federico Romeo, orgoglioso e soddisfatto del risultato?

“Sì perché sono riuscito a ribaltare il risultato. In Valpolcevera Bucci ha vinto nel 70-80 per cento dei seggi; ma sulle schede rosa del Municipio la percentuale si è ribaltata totalmente e hanno fatto la croce sul mio nome. Il Pd nella vallata è il primo partito con il 24%; poi c’è Bucci con una decina di punti in meno. Al terzo posto, con oltre il 13 e mezzo, c’è la mia lista civica. Terza prima degli altri”.

In una zona complessa come la Valpolcevera, dove vivono quasi 64 mila persone, poco più del 10% dei genovesi, quali sono stati i fattori che hanno premiato il governo che amministrava il Municipio?

“È stato premiato non solo il mio lavoro, ma quello di tutta la mia squadra. Molta presenza sul territorio. L’ho detto in campagna elettorale: tutto non sono riuscito a fare; qualche errore l’ho commesso e su qualcosa potevo impegnarmi forse di più. È tutto vero, ma anche vero che c’è stato il crollo del ponte, il Covid. Ecco, su tutto ho dato l’anima. Per questo ero sereno nella mia campagna elettorale. Credo che di più proprio non si potesse fare fisicamente”.

Però adesso c’è la nuova legislatura e si può fare quello che non è stato fatto.

“Certo, adesso lo farò; ho questa opportunità che mi ha dato la gente. Completeremo i lavori ancora in corso e faremo cose nuove”.

La squadra di Romeo quanto ha inciso sulla vittoria elettorale?

“Ha vinto la squadra. Una squadra vincente che ho messo in campo. Persone che sono fortemente legate al territorio, gente che ha consumato le suole nei 5 anni passati. Ma anche new entry che hanno fatto un lavoro meraviglioso. Tutto questo ha dato un messaggio di speranza, ma anche di serietà e solidità, di passione, impegno e competenza. Credo sia stato giusto fare una lista civica ed aver tenuto insieme la maggioranza nel Municipio in tutti questi anni”.

Quali sono stati, in concreto, i punti qualificanti, che hanno convinto la gente a votare Romeo?

“Durante la campagna elettorale ho mandato in casa, a 30 mila persone, un rendiconto quartiere per quartiere, degli interventi realizzati in Valpolcevera. Per citarne alcuni: le riqualificazioni dei giardini su Rivarolo, il parcheggio di via Pisoni, i lavori in via Borzoli, la demolizione di un manufatto su Bolzaneto, i parcheggi nelle aree di via Bruzzo, il progetto della casa di quartiere e l’ex mercato comunale di Bolzaneto”.

Ed ora si ricomincia, forti di un consenso elettorale netto, che permette altro lavoro. Quale?

“Sì, abbiamo progetti sulla vallata, con un nuovo piano di manutenzioni e riqualificazioni del territorio. Sarà fatta una cabina di regia unica sulle opere pubbliche che passeranno in Valpolcevera, tra le quali quelle infrastrutturali. Verrà formata una rete su sanità e salute, con medici di famiglia, pediatri, coinvolgendo le scuole. Rafforzeremo i centri integrati di via, oltre a completare case di quartiere”.

Non c’è timore di problemi a dialogare con un’amministrazione cittadina di colore politico opposto e con i Municipi schierati tutti con questa, tranne Centro Ovest e appunto Valpolcevera?

“No, non credo ci saranno problemi. Quando presenteremo progetti per il territorio, penso che qualunque amministrazione comunale debba sostenerli perché hanno il consenso della gente, non sono interventi del Palazzo, ma sono condivisi con il territorio. Dire no a me, alla vallata significa dire no a una serie di mondi. Alla gente”.

Visti i risultati elettorali può dire che Federico Romeo è un presidente del popolo?

“Sì, mi piace, è vero. Si può dire. Però ci tengo a ringraziare la mia squadra, ringrazio i cittadini. E adesso dobbiamo correre; ci sono tante cose da fare, c’è un territorio alle spalle con persone che mi hanno sostenuto. Bisogna lavorare tanto per questo”.

Dino Frambati


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

SU