Politica - 21 marzo 2023, 16:41

Espansione del porto a Ponente, Ceraudo (M5S): "Destra genovese incapace di ascoltare i cittadini"

"La destra genovese è incapace di ascoltare i cittadini del ponente che lottano per avere gli stessi diritti di chi vive a levante. Serve equilibrio"

Espansione del porto a Ponente, Ceraudo (M5S): "Destra genovese incapace di ascoltare i cittadini"

“Il Ponente non ci sta più. Il Ponente, tutto, è stanco di scelte calate dall’alto che lo condannano all’ennesima servitù, senza alcuna attenzione ai bisogni dei cittadini che vivono nelle delegazioni e ci crescono i loro figli esattamente come accade nel resto di Genova. Dopo le numerose decisioni scellerate operate dalla Giunta Bucci nella scorsa e in questa legislatura, apprendiamo che il Ponente ora dovrà digerire anche l’espansione del Porto. Come dire: a una parte di Genova restituiscono il mare, mentre all’altra lo tolgono. E lo fanno con finti percorsi partecipativi… perché dire ai cittadini cosa si intende fare e poi farlo senza l’ombra di un iter democratico fatto di confronto e ascolto, è la brutta copia di ricordi dittatoriali che credevamo appartenessero al passato”.

 

Lo dichiara il capogruppo comunale del M5S Fabio Ceraudo commentando l’esito di un’interrogazione portata in Sala Rossa e annunciando che sarà, con i portavoce liguri, al fianco dei comitati e dei cittadini delle delegazioni il prossimo 25 marzo per la manifestazione (con partenza alle 10.30 dalla Stazione di Pra’ e arrivo a Pegli in largo Calasetta) contro i cassoni e l’espansione del porto.

 

“La destra sta cercando di trasformare il Ponente in un ghetto. Come dire: il Levante alle stelle, il Ponente alle stalle! La visione che ha Bucci della nostra città, infatti, è chiara: una Genova privilegiata con passeggiate, passerelle e vista mare, e un’altra interamente destinata a impianti industriali ad alto impatto ambientale. Quella cui stiamo assistendo è una chiara dichiarazione di guerra, cui noi tutti risponderemo con forza protestando civilmente ma senza sosta”.

 

“I progetti che ha Bucci per le aree portuali del Ponente si traducono in un tombamento totale e condannano Sestri, Cornigliano, Sampierdarena, Multedo, Voltri e Pra’ a diventare servitù per le aree industriali della città. Non si può accettare un Piano regolatore portuale con queste mire, che di fatto negherebbe ai cittadini del Ponente di vivere in un ambiente salubre con spazi aperti sul mare. O queste sono forse prerogative riservate solamente al Levante? Anche il Ponente vuole riprendersi il mare, e Bucci dovrà farsene una ragione”, conclude Ceraudo.

Redazione


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

SU