/ Economia

Che tempo fa

Cerca nel web

Economia | venerdì 11 gennaio 2019, 17:56

Risarcimenti per il ponte Morandi: definiti risarcimenti e agevolazioni per imprese e lavoratori

Sono stati firmati oggi gli ultimi documenti che ufficializzano gli strumenti di sostegno per aziende, lavoratori autonomi e autotrasportatori danneggiati dal crollo dello scorso 14 agosto

Risarcimenti per il ponte Morandi: definiti risarcimenti e agevolazioni per imprese e lavoratori

Con gli ultimi decreti emanati questa mattina dal Commissario delegato per l’emergenza, Giovanni Toti, in attuazione delle misure previste dal Decreto Genova a supporto di imprese e lavoratori colpiti dal crollo del ponte Morandi, sono stati stabiliti i criteri definitivi per il risarcimento dei danni.

Indennizzi imprese e lavoratori autonomi

Il risarcimento è previsto per le aziende e i professionisti che hanno avuto un decremento del fatturato ‪dal 14 agosto al 29 settembre (data di entrata in vigore del Decreto Genova) rispetto al valore mediano dello stesso periodo nel triennio precedente 2015-2017, sino a un massimo di 200.000 euro.

Le domande potranno essere presentate ‪dal 15 gennaio al 28 febbraio alla Camera di Commercio da quelle aziende che avevano denunciato un danno (entro l’8 ottobre 2018) tramite il modello AE.

Il decremento di fatturato può essere dimostrato mediante dichiarazione dell’interessato ai sensi dell’art. 46 del Testo Unico di cui al Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000 n. 445, accompagnata da estratto autentico delle pertinenti scritture contabili attinenti ai periodi di riferimento, in alternativa all’esibizione alla Camera di Commercio delle intere scritture contabili in originale da cui dovrà essere riprodotta copia autenticata dei periodi interessati.

Per quanto riguarda i risarcimenti è stata definita la soglia minima di 1000 euro del decremento di fatturato quale requisito di ammissibilità.

Con priorità sarà riconosciuta una somma fino al 100% del decremento del fatturato (previsto dall’art.4 del DL 109/2018) a imprese e liberi professionisti con sede operativa all’interno della zona rossa/arancione, ricompresa nei municipi Valpolcevera, Medio Ponente e Centro Ovest (come da piantina allegata).

Le altre risorse, a seconda della disponibilità e dopo aver soddisfatto la zona di priorità, verranno ripartite tra gli altri soggetti compresi, comunque, nei tre municipi ma fuori della zona rossa/arancione.

Per le imprese e i liberi professionisti che non dispongano del periodo di attività di un triennio il decremento è determinato con riferimento al valore più basso di fatturato annuo (risultante dalle pertinenti scritture contabili) tra gli anni disponibili.

Per informazioni è attivo il numero verde relativo all’emergenza Morandi 800681121 (attivato da Regione Liguria con le associazioni di categoria).

Cassa integrazione sostegno al reddito

Per quanto riguarda il sostegno al reddito, la cosiddetta cassa integrazione in deroga, il finanziamento previsto dal Decreto Genova è di 30 milioni totali (11 per il 2018 e 19 per il 2019). Un provvedimento pari al trattamento massimo di integrazione salariale (per un massimo di 12 mesi), in favore: - dei lavoratori del settore privato impossibilitati o penalizzati a prestare l'attività lavorativa in tutto o in parte a seguito del crollo del ponte Morandi; - dei dipendenti di aziende operanti nelle aree territoriali della città metropolitana di Genova che hanno, alla data del 14 agosto 2018, subito un impatto economico negativo e per i quali non trovano applicazione le tutele previste dalla normativa vigente in materia di ammortizzatori sociali.

Inoltre è prevista un’indennità una tantum pari a 15.000 euro in favore dei lavoratori autonomi, dei collaboratori coordinati e continuativi, dei titolari di rapporti di agenzia e di rappresentanza commerciale, compresi i titolari di attività di impresa e professionali, che abbiano dovuto sospendere l'attività a causa dell'evento. Il risarcimento è previsto per i soggetti che hanno avuto la sospensione di attività, riferita a un periodo che intercorre tra il 14 agosto 2018 e il 19 novembre 2018, a fronte di una sospensione di almeno 30 giorni solari e continuativi.

Le domande per il sostegno al reddito potranno essere presentate attraverso un sistema telematico dal sito di Regione Liguria dal ‪15 gennaio 2019.

Indennizzi agli autotrasportatori

Durante la conferenza stampa che si è tenuta oggi in Regione Liguria, il viceministro alle infrastrutture Edoardo Rixi, il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e il presidente dell’Autorità Portuale Paolo Emilio Signorini hanno presentato le modalità degli indennizzi stanziati dal Mit per gli autotrasportatori. È stata autorizzata dal Ministero la spesa di 20 milioni di euro per l’anno 2018 e di 80 milioni per il 2019 e altrettanti per il 2020. Le risorse stanziate dal MIT sono destinate agli autotrasportatori che, a causa del crollo del viadotto Polcevera, hanno dovuto affrontare spese maggiori per la percorrenza forzata di tratti autostradali o stradali aggiuntivi. La spesa è stata autorizzata e trasmessa direttamente sulla contabilità speciale del Commissario delegato. L’Autorità Portuale (soggetto attuatore) si occuperà di raccogliere le domande attraverso un avviso specifico sul proprio sito con indicati tempi e modalità e di stabilirne l’ammissibilità. Nelle prossime ore verrà ultimato il piano degli investimenti per il porto di Genova definito di concerto con le istituzioni locali.

"Interveniamo sull'autotrasporto – ha detto Toti - che è una delle categorie che più ha risentito del crollo del ponte Morandi, con un'iniezione di liquidità e di aiuti molto importante, ma non solo: con i provvedimenti di oggi tutto il dispositivo degli aiuti al mondo dell'impresa nella città di Genova viene applicato e diventa operativo".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore