/ Economia

Economia | 20 maggio 2019, 19:00

Growth Hacking per le imprese: ecco perché è la scelta giusta

Il termine Growth Hacking Marketing, coniato nel 2010 da Sean Ellis, racchiude tutti i passaggi per garantire ad ogni azienda la formula del successo.

Growth Hacking per le imprese: ecco perché è la scelta giusta

Il termine Growth Hacking Marketing, coniato nel 2010 da Sean Ellis, racchiude tutti i passaggi per garantire ad ogni azienda la formula del successo. In pratica, attraverso una serie di procedimenti, si cerca di trovare il mix ideale tra un prodotto e la sua distribuzione.

La base di partenza deve essere ovviamente rappresentata da un articolo che ha un potenziale mercato, in quanto nessun business plan potrà mai riuscire a coinvolgere persone se queste non sono minimamente interessate a ciò che stiamo proponendo loro.

Disponendo di un prodotto potenzialmente interessante ed attuando la giusta strategia di Growth Hawking per le imprese potremo avere attraverso step specifici, un rapido ritorno dell'investimento iniziale.

Come funziona il growth hacking marketing? 

Ma come funziona esattamente il Growth Hawking per le imprese? La strategia dovrebbe essere suddivisa in diverse micro-strategie. In questo modo è possibile in ogni momento testare l'efficacia di ogni campagna.

I growth hacker più esperti, come l’imprenditore digitale Mirko Cuneo, sapranno impostare processi accurati. che tengano conto dei reali punti di forza della tua azienda.

Ogni buona strategia di Growth Hacking deve poter partire dalla selezione del target, ovvero dalla fascia di pubblico a cui il nostro prodotto può effettivamente essere indirizzato.

Una volta scelto il target è importante avviare una campagna di sperimentazione, che se attentamente seguita e studiata porterà alla conferma o alla necessità di un miglioramento. Sperimentazione può infatti anche voler dire insuccesso o mancato raggiungimento appieno degli obiettivi prefissati. Per questo è importantissimo seguirne sempre gli sviluppi, saper leggere le variabili in campo ed essere pronti a migliorarsi per ottenere i migliori risultati in future performance.

Affidarsi a dei professionisti riveste un ruolo fondamentale per la garanzia di successo, per quel famigerato ROI (o ritorno dell'investimento) che ogni azienda si auspica nel minor tempo possibile. Esperienza e professionalità possono mettere al riparo da errori già commessi in passata magari dai propri competitors, oltre che permettere di sfruttare nel miglior modo possibile tutte quelle strategie che invece li hanno portati al successo.

Non si può improvvisarsi Growth Hacker. Per essere un vero professionista occorre possedere tre preziose caratteristiche: analisi dati, creatività e curiosità.

Saper leggere i risultati di ogni campagna messa in atto su un determinato target di pubblico è fondamentale per poter garantire il successo o per capire quali sono i punti da correggere. Al tempo stesso anche creatività e curiosità hanno ruoli fondamentali. Potremmo dire che il perfetto Growth Hacker deve saper fondere alla perfezione un mix di conoscenze tecniche e marketing.

Perché il growth hacking può far crescere la tua impresa? 

Conoscere in anticipo quali sono i punti di forza che possono far leva sui potenziali acquirenti è senza dubbio un vantaggio importante.

Al tempo stesso sapere con esattezza cosa richiede miglioramenti e studi più approfonditi, cosa è che non convince nel nostro prodotto i nostri potenziali acquirenti, può aiutare a realizzare quell'articolo perfetto sotto ogni punto di vista, quello che il target di potenziali clienti vorrebbe poter davvero trovare disponibile sul mercato.

Le indagini svolte su un pubblico predefinito portano proprio a questo. Attraverso un campionamento di persone si riesce a testare l'efficacia del prodotto, ad avere una testimonianza importante di quanto questo oggetto o servizio si sia rivelato prezioso per le sue esigenze reali.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium