A casa con l'Architetto | 29 giugno 2020, 17:00

Cover per radiatori: le soluzioni che fanno anche da mobile

Soprattutto nelle stanze più semplici i dettagli riescono a fare la differenza, emergendo e creando un unicum senza eguali

Elle decor

Elle decor

Occupandomi prevalentemente della ristrutturazione di appartamenti sto riscoprendo la passione per i dettagli, che riescono a raccontare molto di chi vive la casa, aggiungendo punti di interessi che funzionano da fuochi visivi.

Non sempre un ambiente ricco di oggetti di pregio riesce a generale un ambiente bello ed elegante, spesso la progettazione di spazi che prevede l’utilizzo di pochi elementi d’arredo sapientemente scelti e posizionati, riesce a generare un’immagine equilibrata e funzionale. Soprattutto nelle stanze più semplici i dettagli riescono a fare la differenza, emergendo e creando un unicum senza eguali.

 

Archdaily – Villa Void

 

Un progetto

Qualche mese fa ho iniziato la progettazione di un appartamento genovese, e la mia attenzione è caduta su un calorifero che esteticamente non soddisfaceva lo stile dello spazio in cui doveva essere inserito; aveva molti anni e i proprietari stavano pensando di sostituirlo, nonostante fosse perfettamente funzionante. Ho voluto così spingermi oltre la sua funzione, e senza cambiarlo studiare una soluzione alternativa capace di trasformare l’aspetto estetico di quel pezzo, aggiungendo qualcosa in più rispetto a un normale radiatore fresco di fabbrica.

Nella mia ricerca di idee su come affrontare la trasformazione di un piccolo calorifero mi sono imbattuta in progetti nuovi, diversi da quelli a cui avevo precedentemente pensavo che consistevano nella banale sostituzione. Le scelte fattibili, chic e smart ma anche capaci di non evidenziare l’oggetto stesso sono molte, oltre alla semplice

  • verniciatura in tinta con la parete
  • aggiunta di una consolle o di uno scaffale soprastante

che non hanno un particolare impatte sullo spazio, così senza indugi ho deciso di optare per una copertura funzionale.

 

bolig magasinet

 

I materiali

L’ho definita custodia poiché avvolge il radiatore con una duplice funzione, estetica e funzionale, sembrando più un pezzo decorativo, il che non è sempre una brutta cosa. Può anche essere usato come tavolino, mensola o panca, diventando in maniera semplice un mobile di design.

La bellezza di questo rivestimento sta anche nella personalizzazione, che consente di realizzare un oggetto totalmente su misura nella forma e nel decoro.  Per realizzarlo occorre un progetto iniziale che consideri, oltre le dimensioni dell’oggetto da coprire, un piccolo sportello per accedere al regolatore termostatico.

I materiali più utilizzati sono:

per la struttura:

  • mdf
  • legno

per la tamponatura:

  • lamiera traforata
  • legno intagliato
  • paglia di Vienna
  • materiali non deformabili che consentono il passaggio di aria

Kara solu

 

E’ difficile definire alcune caratteristiche generali, standardizzate, ogni cover è un progetto a sè, ma pensando di creare tre categorie si possono distinguerle le soluzioni:

  1. integrate
  2. isolate
  3. a sbalzo

All’interno si possono delineare decine di sottocategorie, come gli scatolati con anta, i listelli uniti, la pannellatura in paglia di Vienna e così via.

 

 

1 Gli isolati

Se avete un radiatore in aggetto rispetto alla parete, quindi non contenuto all’interno di un sottofinestra o di una nicchia dedicata, e la sua estetica non vi soddisfa, questa soluzione fa al caso vostro.

E’ possibile creare una struttura con il fai-da-te, ma la precisione è una qualità indispensabile per l’esecuzione a regola d’arte. Le soluzioni sono molteplici, potete realizzare:

  • uno scatolato unico, chiuso sui tre lati
  • un frontalino ed una mensola, e creare una sorta di “L”, lasciando aperti i fianchi
  • un piano superiore incastrato sui due fianchi in una struttura solida, con un’anta o un pannello frontale apribile
  • una struttura fitta di profili a sezione quadrata che da pavimento copra in altezza il calorifero e giri sino al muro creando un piano d’appoggio.

 

residence magazine

living-corriere

Realty

keltainentalorannalla

 

Realizzare anche un contenitore a fianco del calorifero sarà molto semplice, e il risultato estetico sarà eccezionale ed assolutamente equilibrato. I mobili su misura oltre a rendere funzionale uno spazio inutilizzato, delineano un ordine inaspettato,  rendono personalizzata la casa e la fanno sembrare curata in ogni sua parete.

 

jyllands posten

 

La struttura può appoggiarsi al pavimento, legandosi alla muratura e al battiscopa, oppure avere due piedini. Il piano orizzontale può essere utilizzato per sostenere un quadro, una lampada, oppure libri e oggetti d’arredo.

 

francois et moi

fichman

entrancemakleri.

elle-decoration

elle-decoration

brocantelab

archzine

Arch Zine

 

2 In Aggetto, scrivanie

Chi l’ha detto che la parete su cui poggia il calorifero deve rimanere libera? Il calore viene sfruttato maggiormente se vicino a una postazione di lavoro, è solo necessario creare un piano sospeso fissato a parete o in appoggio su due gambe per creare una zona studio comoda e funzionale, una vera e propria scrivania.

In alternativa si può scegliere un tavolo già finito, ma il su-misura è la soluzione più integrata che distingue un progetto standard da uno su misura.

Femina

herzundblut

Turbulences deco

wall the decor home

3 Integrati alla muratura

Sono usuali in Francia, in America, ma anche in alcune abitazioni italiane. Occorre essere fortunati, e avere una parete molto lunga sulla quale corre almeno una finestra ampia, anche se due o tre sarebbero preferibili per creare ancor di più un effetto “wow”.

Il mobile può svilupparsi sia se la parete confinante con l’esterno è continua, che nel caso di un sottofinestra incavato, più sottile rispetto alla muratura perimetrale. In quest’ultimo caso solitamente il radiatore è basso e largo, per dare spazio alla finestra, e il rivestimento potrà diventare una comoda seduta con o senza libreria sottostante o mobile contenitore.

bobedre

lightology

fresh idden

h&m

pavelzheleznov

planet decor

in my room

delikatissen

katieae

Lekker Home

Primerov

rhythm of the home

thekitchn

Zen Yandex

E se a opera finita vorrete fare uno scherzo ai vostri ospiti, non vi basterà altro che chiedergli di scovare il vostro radiatore nascosto, sarà un'impresa davvero divertente!

Segui Giulia Grillo anche sui social:

Giulia Grillo

Leggi tutte le notizie di A CASA CON L'ARCHITETTO ›

A casa con l'Architetto

Giulia Grillo, architetto esperto in interior design, ci accompagna in questa rubrica all'interno delle case, raccontando le richieste e le scelte dei clienti.
Forte della sua esperienza, che coniuga il mondo dell'arte a quello degli interni, raccoglierà le impressioni sulle ultime tendenze nel mondo dell'architettura, dell'arredamento e del design.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium